IL TURISMO INCONTRA LA TECNOLOGIA

Turismo e tecnologia si incontrano in due progetti dell’ENEA.
GE.RI.N, finanziato dal MIUR, fa parte di “Ecoinnovazione Sicilia” e permette di soddisfare le esigenze ambientali, sociali ed economiche delle località balneari.
La Gestione Risorse Naturali (GE.RI.N) intende utilizzare le biomasse come ad esempio gli ammassi di posidonia depositati sulle spiagge durante le mareggiate per produrre delle stuoie biodegradabili al 100%.
Insomma, gli abitanti del luogo riempiono sacchi di fibra naturale (come la juta, il cocco, la canapa, ecc.) con  queste biomasse producendo oggetti trasportabili che possono svolgere la funzione di materassi o tappeti ed essere utilizzati per creare sentieri in zone impervie o per coprire i litorali rocciosi eccessivamente erosi dal mare.
L’Unità Tecnica Tecnologie Ambientali dell’ENEA ha pensato anche all’impoverimento delle praterie marine: le bio-stuoie sono state quindi depositate sui fondali dell’Isola di Favignana, permettendo la ripopolazione delle parti più danneggiate.
In un ulteriore punto i ricercatori si sono preoccupati degli scarti di questa flora marina, decidendo di impiegarla nella realizzazione di compost agricoli.

HER.M.ES (Heritage Management Experience) si occupa di tecnologia applicata al turismo culturale.
Grazie all’ente promotore FILAS, entro la fine del 2015 verrà creata una piattaforma web con lo scopo di rinnovare l’architettura di sistema per la fruizione del patrimonio culturale italiano.
L’idea è di utilizzare applicazioni e servizi semantic-based molto dinamici che permettano di gestire l’esperienza turistica dalla pianificazione all’esecuzione, passando anche per la condivisione.
Il sito conterrà informazioni utili sia per gli specialisti del settore che per gli utenti generici permettendo l’accesso a documenti digitalizzati, risorse multimediali e banche dati sul territorio.
In questo progetto sono coinvolti anche l’ACRM NET e il CRN.

di Emanuela Donetti

In copertina: Posidonia oceanica © Manuel Sànchez – Mateos Paniagua

2 thoughts on “IL TURISMO INCONTRA LA TECNOLOGIA

  1. HER.M.ES (Heritage Management Experience) esiste già ed è operativo: si chiama itineranda. itineranda consente di reintrodurre e riscoprire luoghi altrimenti sconosciuti sui circuiti turistici, e elaborare e promuovere itinerari insoliti, ridistribuendo i flussi turistici e relativa ricchezza nei territori emarginati e ridando vigore e nuova linfa agli ecosistemi che ospitano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *