UNA SECONDA GENERAZIONE DI DRONI

Innovative miscele a biodisel per i prototipi presentati al primo “salone aereonautico” su droni in Italia tenutosi il 24 e 25 maggio a Roma.
Durante l’evento “Roma Drone Expo&Show”, ENEA ha presentato due prototipi con motori a biocarburanti di seconda generazione che possono essere miscelati con quelli di derivazione fossile.
Il primo drone si muove utilizzando un motore diesel alimentato con miscela ad elevato contenuto di biodiesel, ricavato da oli alimentari esausti. Il secondo, invece, utilizza una miscela ad elevato contenuto di bioetanolo ottenuto dal trattamento di biomasse.

Come spiega Valter di Gioia, questa sperimentazione è particolarmente interessante dal punto di vista ambientale: i droni sono veicoli radiocontrollati a basso costo che possono restituire immagini e misure radiometriche: il loro utilizzo può essere utilizzato al fine di prevenzione, ricerca, prelevamento, o monitoraggio a distanza dell’ambiente e del territorio.

Inoltre, i biocarburanti sono prodotti in grado di sostituire la benzina e il diesel e, data la loro origine naturale, possono essere più facilmente riassorbiti dalla natura. Vero è che l’utilizzo di questo implica altre questioni: dalla conversione di colture destinate alla produzione di cibo al fenomeno del land grabbing, dalla deforestazione al rincaro dei generi alimentari. Per questo la ricerca, che si sta compiendo con la collaborazione tra esperti di biocarburanti, di osservazione aerospaziale e di robotica, e anche ricercatori competenti in materia di monitoraggio ambientale, si sta spostando verso i cosiddetti biocarburanti di seconda generazione. Sono ottenuti con altre tecniche, come la lavorazione di materiale lignocellulosico, la coltivazione del miscanto la coltivazione delle alghe. In questo modo i biocombustibili sono veramente eco-compatibili.
Le sperimentazioni dei droni nel settore dei biocombustibili possono trovare utile campo d’applicazione anche nel settore aeronautico, responsabile di significative emissioni ad effetto serra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *