TECNOLOGIA A QUATTRO RUOTE

Tra il Mobile World Congress di Barcellona, e il Salone dell’Auto di Ginevra, il 2014 si candida ad essere l’anno di rinascita per il settore dell’automobile sempre più vicino alle tecnologie mobile.
Ecco una panoramica di come ci muoveremo e interagiremo con la nostra quattro ruote del futuro.

AUTO E APP
L’app “Automatic”per il momento disponibile solo per il mercato americano, in pochi chilometri impara lo stile di guida di chi è al volante, in modo da poter avvisare o suggerire i casi di possibile risparmio di carburante, frenate eccessive, stato del veicolo in relazione alle condizioni esterne. Basta inserire sotto il volante uno sensore grande poco più di una carta di credito, il Link. Grazie all’accelerometro interno Link e Automatic sono in grado di avvertire istantaneamente anche i casi di scontro o incidente, e sono in grado di effettuare un immediato avviso alle autorità locali, i sanitari e addirittura i famigliari in caso di emergenza.

Dal Salone dell’Auto di Ginevra, ecco le novità dell’azienda della mela morsicata. Apple lancia CarPlay.
Costruito principalmente attorno all’uso di comandi vocali Siri, consentirà di impartire richieste o ottenere info solo via voce, offrendo un’esperienza “eye free”. Non solo: il sistema proporrà i percorsi (su Apple Maps) sulla base degli appuntamenti in calendario, dei testi dei messaggi e delle mail. CarPlay permetterà di accedere alle app di streaming musicale oltre che alla propria libreria di iTunes. Sono già diverse le case automobilistiche pronte a integrare CarPlay: da Ferrari a Mercedes a Volvo.
Il cambiamento è davvero straordinario. Presto anche gli altri Sistemi operativi saranno disponibili a bordo, integrando anche Android e Windows Mobile, ad esempio.

AUTO E SMARTPHONE
E se la tecnologia non è più “embedded” nel cruscotto dell’automobile, qualcuno dovrà garantire per i servizi via smartphone a cui ci si affiderà una volta avviata l’accensione. E’ nato per questo motivo il Consorzio di imprese Car Connectivity, che riunisce l’80% delle case automobilistiche e la maggior parte dei produttori di tecnologie. Il Consorzio ha presentato a Barcellona lo scorso febbraio Mirrorlink, lo standard per la connettività auto – smartphone, durante il Mobile World Congress – l’evento che riunisce tutti i produttori e gli utilizzatori di devices e sistemi per consentire una “vita in mobilitá”.
Progettato per consentire la massima interoperabilità tra le gamme di smartphones e automobili, è l’unico standard di OS- e OEM -agnostic per la connettività auto – smartphone, MirrorLink è un prodotto “cross industry”, e offre a tutte le aziende che progettano software per l’interazione smartphone/tablet – automobile il programma Developer Fast Track MirrorLink, che rende più semplice certificare le applications pensate da portare a bordo.

AUTO CONDIVISA
“La prendo dove la trovo e la lascio dove voglio”. Accade da poco meno di un anno a Milano, e da pochissimi giorni a Roma.
Il car sharing è diventato protagonista delle strade delle metropoli italiane. Un servizio perfetto per l’ultimo miglio, per “chiudere” il cerchio offerto dagli altri sistemi di trasporto pubblico locale. Prendi l’automobile che trovi parcheggiata a bordo strada, la usi per il tragitto che ti serve, e la lasci esattamente dove vuoi.
A Milano, entro i confini cittadini, il servizio è offerto da Car2Go, società internazionale che opera in diversi Paesi, e da Enjoy, azienda partecipata da Eni. E presto vedremo il nuovo servizio pensato da Ferrari. Utilitarie da città di piccole e piccolissime dimensioni, soprattutto ecologiche: smart o fiat 500, le prendi, le lasci dove vuoi, e non paghi il parcheggio. La tariffazione è a minuto. Basta scaricare l’app, trovare l’auto più vicina, inviare il messaggio di richiesta e si riceve in cambio il codice di sblocco che consente di salire a bordo.
Lo stesso accade per il servizio di Evai, società partecipata Trenord e Regione Lombardia, che però svolge un servizio intercittadino: puoi prendere l’automobile (euro5 a benzina, o elettrica) in una città della Lombardia in cui il servizio è attivo, e recarti in aeroporto a Malpensa o Linate, in stazione a Milano, o in un’altra città a seconda delle esigenze.
Parcheggiare e ripartire in tutta libertà quando si vuole, senza pagare altro.

di Emanuela Donetti 

In copertina: Auto moto festival © Venugopal clicks

One thought on “TECNOLOGIA A QUATTRO RUOTE

  1. Ho letto sull’ultimo numero di Focus che sta nascendo la stampa dei materiali in 3D per prodotti sempre più personalizzati per le nostre singole esigenze.Addirittura in Olanda si è arrivati a stampare anche il cibo.Che ne pensate?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *