PIÙ FIORI E MENO CLORO

State certi che nella nuova piscina pubblica di Londra King’s Cross non vi si arrosseranno più gli occhi a causa dell’eccessivo cloro: saranno le piante a purificare l’acqua.
Si tratta di un’idea degli architetti Eva Pfannes e Sylvain Hartenberg dello Studio Ooze di Rotterdam e dall’artista Marjetica Potrc che hanno deciso di eliminare le sostanze chimiche comunemente usate nelle piscine e far sì che siano le piante a filtrare e mantenere pulita l’acqua della nuova piscina inglese soltanto attraverso processi naturali. Un progetto che fa parte del progetto “Of Soil and Water: King’s Cross Pond Club” che fa parte del programma pubblico Relay volto alla valorizzazione di 27 ettari di territorio della città di Londra.
L’acqua della piscina naturale sarà purificata attraverso un processo a ciclo chiuso naturale fatto di zone umide, piante acquatiche e fiori selvatici che cambieranno a seconda della stagione. Situata proprio nel cuore di Londra, sarà lunga 40 metri e larga 10 metri e verrà realizzata a 2 metri sopra il livello della superficie del parco. Potrà ospitare fino a 100 bagnanti e, alternando cemento e elementi naturali, offre un connubio vincente tra la natura e l’ambiente urbano e, in fin dei conti, assomiglierà maggiormente ad un laghetto piuttosto che ad una piscina classica.

In copertina: Pool © Jakobien van der Weijden

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *