VADO A VIVERE DA SOLA

Ecco. Il momento che aspettavo da una vita alla fine è arrivato. La mia prima casa!
Ho passato circa un paio di mesi prima di trovare quella giusta, dopo annunci e sopralluoghi poco esaltanti. A dire la verità quando ho iniziato a cercare casa avevo già in mente come avrebbe dovuto essere!
Prima di tutto volevo un appartamento da ristrutturare, una “vecchia casa” insomma: oltre a non essere amante delle nuove costruzioni residenziali, sono convinta che riutilizzare le case del passato, è  una scelta estetica ma soprattutto una scelta etica. Mi piaceva l’idea di trovare casa in un piccolo borgo di paese, ma non troppo lontano dalla città. Inoltre la posizione era per me fondamentale, non solo per la vista sul paesaggio ma per una questione di orientamento della casa in base all’esposizione al sole.
Desideravo, infatti, una casa ben illuminata con tante finestre, soprattutto in bagno!
L’altro requisito essenziale, ma difficile da trovare, era uno spazio verde (anche piccolo) per poter coltivare la mia passione per il giardinaggio e avere un orto casalingo.
Quando ho visitato la prima volta quella che poi è diventata casa mia, devo ammetterlo non è stato subito amore a prima vista; l’atmosfera era un po’ opprimente per via dei tanti mobili di colore scuro e della mancanza di luce. Poi mi sono accorta che le persiane erano tutte chiuse.
Con un po’ di immaginazione e aprendo persiane e finestre ho provato a trasformare mentalmente la casa e mi sono resa conto che era quella giusta. I muri spessi, tipici delle vecchie case, i soffitti alti, le numerose e ampie finestre, la zona giorno completamente esposta al sole e la zona notte in posizione opposta…senza accorgermene avevo deciso, era perfetta!
In verità prima di acquistarla sono andata più volte a visitarla e in diversi momenti del giorno in modo da verificare la luminosità delle stanze e la temperatura degli ambienti; la mia fortuna è stata di cercarla nel periodo estivo, quindi ho potuto capire qual’era la massima esposizione della casa al calore.
Il contesto in cui si inseriva la casa era proprio quello che avevo in mente! L’abitazione si trovava in un vecchio borgo di paese, a soli 8 km dalla città dove lavoro, ed era una zona che grazie all’arrivo di nuovi e giovani residenti era in fase di rinascita. Inoltre questa vecchia casa, dallo stile tipico delle case di lago, offriva anche un piccolo spazio verde.. tutto quello che cercavo!
Certo, come il resto della casa anche il giardinetto aveva bisogno di una rinfrescata, ma sapevo per esperienza che il sudore offerto alla terra viene sempre ripagato.
Inizia qui il viaggio verso la trasformazione della Mia nuova-vecchia casa.

I consigli di Malta
Se potete, visitate la casa in una stagione che vi faccia capire quanto la zona è assolata o in ombra; se siete freddolosi evitate case poco esposte al sole.
Valutate la presenza di verde; anche se non c’è ombra diretta sulla casa aiuta a mantenere la temperatura più bassa d’estate.
Una giusta posizione e l’orientamento permettono di avere calore naturale anche d’inverno; meglio avere finestre grandi a sud e piccole a nord. Zona giorno e notte dovrebbero essere disposte a sud o ad est, mai ad ovest, perché d’estate il sole del pomeriggio è il più caldo.
La finestra del bagno nella scelta è importante perché fornisce luce e soprattutto il ricircolo igienico dell’aria, ma in particolare offre l’esposizione alla luce naturale, effetto benefico sia per l’ambiente che per la mente.

to be continued…

di Malta

2 thoughts on “VADO A VIVERE DA SOLA

  1. Cavaliere(prima che la parola venisse depauperata da un losco figuro) 11 gennaio 2012 at 3:24 pm - Reply

    La prima parte è una descrizione di un esperienza personale (vera o inventata nulla importa) molto piacevole a leggersi .
    Ha però anche la funzione di introdurre ai concetti poi spiegati con molta cura nella seconda parte , quella dei consigli.

    Personalmente considero la seconda parte una vera chicca , ben esposta , comprensibile, e molto molto istruttiva.
    Chi come me non è molto ferrato in materia ne può trarre degli utili e preziosi consigli.

    Personalmente, pollice alto per questo articolo .

  2. Ciao Cavaliere!
    Grazie per il tuo commento, sono felice che ti sia piaciuto…e ti posso garantire che sono esperienze tutte vere… anzi nelle prossime puntate parlerò anche di alcuni intoppi che ho dovuto risolvere! Non perdertele!
    A presto…Malta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *