AD OGNUNO LA SUA PIANTA

Dopo i consigli su come ottimizzare al meglio la raccolta differenziata, su cosa buttare e dove, su come riutilizzare oggetti, questo mese la rubrica quattro mura in città torna con qualche consiglio sulle piante.
Avere piante in casa è un ottimo modo di arredare gli spazi e, come risaputo, il colore verde ha effetto rilassante e favorisce la riflessione e la calma.

Se volete  cominciare la vostra carriera da pollici verdi, vi consigliamo alcune piante ottime da far crescere all’interno delle nostre abitazioni e facili da curare*.

PIANTE FACILI DA CURARE
Yucca
: richiede davvero pochissime cure, basta ricordarsi di annaffiarla quando il terreno si secca.
Tronchetto della felicità: posizionatela in una zona luminosa della casa, lontano dalle correnti d’aria e caloriferi. In inverno basta annaffiarla una volta al mese.
Ficus: sembra delicato, in realtà basta stare molto attenti a dove lo si posiziona: lontano da correnti d’aria e crescerà robusto più che mai.
Photos: con il suo portamento cascante è la pianta che farà sembrare la vostra casa un angolo di giungla.
Felci: verdissime e con un cespuglio spumeggiante che mette subito allegria. Chiedono solo un po’ di umidità intorno a loro: vaporizzate le loro foglie ogni due giorni e sarà verdissima.
Edera: non c’è pianta più semplice da coltivare! Cresce bene all’ombra e se per un periodo vi dimenticate di darle acqua, riuscirà a sopravvivere.

Passiamo ora ad una carrellata di nomi per chi cerca piante con caratteristiche particolarmente adatte a combattere l’inquinamento domestico. Fumo di candele, di sigaretta, spray, smacchiatori, insetticidi, disinfettanti, ammoniache, apparecchi elettrici ed elettronici, sono solo alcuni delle fonti di inquinamento tra le nostre quattro mura. Ma, per fortuna, ci sono piante riescono ad assorbire fino al 90% di queste sostanze.

ASSORBE FUMO DI SIGARETTA
Le piante più adatte per assorbire il fumo delle sigarette sono il Ficus Benjamin, il Ficus Elastica o la Nolina detta anche “pianta mangiafumo”.

CONTRO LE SOSTANZE TOSSICHE DI MATERIE PLASTICHE, VERNICI, PITTURE E SPRAY
Ottima la Darcena (conosciuta anche come “Tronchetto della felicità”), la Dieffenbanchia e la Felce di Boston se avete appena imbiancato o comprato nuvoi mobili. La Kenzia è particolarmente indicata per assorbire le sostanze prodotte da plastiche, resine, detergenti e pesticidi.

SE NON POTETE FARE A MENO DEL MAKE-UP
Lo Spatifillo è particolarmente utile per assorbire l’acetone presente in detersivi e cosmetici.

ACCANTO ALLA FINESTRA
Il Pothos aureo trattiene sulle foglie le sostanze inquinanti provenienti dallo smog.

IN CUCINA O IN UFFICIO
Per assorbire l’inquinamento elettromagnetico, prodotto da computer, forni a microonde, stampanti e fotocopiatrici potete scegliere di tenere la Tillandsia cyanea il Cactus peruvianus.

PER CHI AMA STARE AI FORNELLI
Il Chlorophytum assorbe l’ossido di carbonio rimasto nell’aria dall’accensione del gas.

PER CHI VUOL ESSERE ORIGINALE
Conoscevate il Giglio Voodoo? Ha un tubero che non ha bisogno di essere interrato. Se siete bravi, in primavera sboccerà con il suo fiore giallo e viola.
Sassi viventi: sono piante grasse dalla crescita molto lenta e dall’aspetto insolito. Somigliano a sassi e fioriscono una volta all’anno.
Se siete stanchi di scacciare le mosche appropriatevi di una Venere acchiappamosche, una pianta carnivora che cattura i piccoli insetti con le sue foglie composte da due lobi frangiati che si chiudono a scatto.
Chi ama i rimedi naturali e fatti in casa non può non avere in casa un’Aloe Vera per disporre del gel benefico in caso di escoriazioni, punture di insetti o scottature per troppo sole.
Chi non ama le Fragole? Magari non avete mai pensato di tenerle in casa. Servono poco spazio e minime cure.

E una volta scelta la vostra pianta, non dimenticatevi di passare in rassegna una serie di consigli e miti da sfatare per gestirla al meglio!

di Giulia Cattoni

* fonte: leitv.it – 7 piante da interno.

In copertina: Coelogyne massangeana © Maja Dumat

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *