COSMETICI HOME MADE

Preparare in casa creme, balsami e unguenti con ingredienti naturali al 100% non è difficile come sembra, non richiede conoscenze specifiche e nemmeno molte ore di lavoro, quindi perché non provare?

Le creme fatte in casa idratano e nutrono la pelle mantenendola elastica, diffondono una delicata profumazione ed evitano di inquinare il nostro corpo e l’ambiente. Non facciamoci quindi ingannare dalle belle confezioni sugli scaffali, leggiamo l’etichetta (vedi il mio precedente articolo “Cosmetica: leggere le etichette”) e facciamo attenzione agli ingredienti. Meglio ancora, utilizziamo per i nostri cosmetici solo ingredienti naturali e prodotti che si potrebbero quasi mangiare…anche se forse non è il caso di farci una merenda!
Prima di tutto è necessario procurarsi gli strumenti adatti:
– bilancia da cucina pesa grammi;
– recipiente in vetro graduato con beccuccio;
– pentola di media grandezza;
– ciotola (simile a quella per la prima colazione) di grandezza adeguata per stare nella pentola e per poter sciogliere gli ingredienti a bagnomaria;
– forchetta e cucchiaio;
– recipienti riciclati o boccette nuove, meglio se in vetro scuro perché la luce potrebbe danneggiare le creme;
– alcool puro e cotone idrofilo: è l’alcool a 95°. Quello che si utilizza per fare i liquori e che si trova nei negozi alimentari. Imbevete il cotone con un po’ di alcool e sterilizzate tutti gli strumenti compresi cucchiai e forchette. Per le boccette di vetro basterà versarne un po’, chiudere e agitare. Lo stesso alcool potrà essere utilizzato per tutte le altre.

Gli ingredienti variano in base alla funzione che deve avere la nostra crema, principalmente è costituita da una parte acquosa come acque profumate, acqua distillata, infusi, una grassa (lipidica) come olii, cere, burri e in piccole quantità sostanze che servano a dare le caratteristiche che vogliamo alla crema stessa come emulsionanti (per permettere che la parte acquosa e quella lipidica non si separino), gelificanti, profumi ecc.
Propongo una ricetta per una crema di media densità; se la si preferisce più fluida, basta aumentare leggermente la dose di acqua se, viceversa, la si vuole più densa, basta diminuire la dose degli olii:
– 5 g di burro di karité, reperibile in erboristeria o nelle botteghe equosolidali;
– 3 g di cera d’api;
– 60 ml di olio di mandorle (ma anche jojoba, oliva, cocco, avocado o argan);
– 30 ml di acqua distillata (quella che si usa per stirare va benissimo);
– 4 g di lecitina di soia reperibile in polvere nei supermercati;
– 20 gocce di olio essenziale a scelta in base al tipo di crema che vogliamo creare;
– 9 gocce di estratto glicerico di semi di pompelmo, utile per la conservazione della crema. Non è obbligatorio, ma la sua presenza garantirà una maggiore durata al prodotto che dovrà comunque essere conservato in frigorifero.

Dopo aver pesato tutti gli ingredienti riporre il burro, la cera e la lecitina nella ciotola, scioglieteli a bagnomaria mescolando saltuariamente per amalgamare bene gli ingredienti; una volta sciolti, unite l’olio di mandorle e mescolate. A parte, scaldate l’acqua distillata evitando di farla bollire. Quando avrà raggiunto la temperatura simile a quella degli olii (solitamente quando iniziano a formarsi le prime bollicine) versarla a filo e lentamente nella parte lipidica continuando a mescolare con la forchetta a velocità costante e nello stesso verso, anche quando avrete finito di versarvi l’acqua.
A questo punto togliete la ciotola dalla pentola e continuate a mescolare rallentando la velocità man mano che la crema si raffredda. Questo è un passaggio molto delicato che serve alla crema per stabilizzarsi. Una volta che si sarà raffreddata aggiungere l’olio essenziale e l’estratto di pompelmo, dopo di che versarla nei recipienti già sterilizzati con alcool. Etichettare con nome della crema e data ed ecco pronta la nostra crema base.

di Alessandra Piatti 

In copertina: Cosmética tradicional © Miradas de Andalucìa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *