CAR SHARING: LA GIORNATA EUROPEA

Car sharing. Un fenomeno che in Italia ha avuto un grande successo soprattutto nell’anno appena trascorso. L’auto condivisa, quella capace di ridurre il numero di auto circolanti in città, sembra aver messo d’accordo tutti, ambientalisti ed economisti.
Per celebrare gli ottimi risultati conseguiti fino ad ora e favorire un continuo incremento di questa forma di mobilità alternativa, il Ministero dell’Ambiente, Roma Capitale e Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile organizzano per il prossimo 17 settembre la “Giornata europea del car sharing”.

Promossa nell’ambito della Mobility Week Europea, “Car Sharing Day – Our streets, Our choice” ha l’obiettivo di raccogliere le esperienze di successo del car sharing, raccontarle al grande pubblico, confrontarle, descriverne i vantaggi economici, ambientali e sociali e delineare una Roadmap, anche normativa, per incentivare lo sviluppo del car sharing in Italia nei prossimi anni.

All’evento parteciperanno ospiti italiani ed internazionali tra cui Gian Luca Galletti, Ministro dell’Ambiente; Lucio Battistotti, Direttore della Rappresentanza in Italia della Commissione Europea; Guido Improta, Assessore ai Trasporti e alla Mobilità di Roma Capitale; Edo Ronchi, Presidente della Fondazione per lo Sviluppo SostenibileErmete Realacci, Presidente della Commissione Ambiente della Camera, esponenti di Car2goEnjoyICSAutolib Parigi e Réseau coopératif Citiz.

Lo sviluppo del car sharing risulta strategico soprattutto per un Paese come l’Italia perchè, oltre a rappresentare uno dei settori più promettenti e vitali della green economy, aiuterebbe a limitare in maniera sostanziale il traffico delle nostre città d’arte, da Firenze a Roma.
Per approfondire potete consultare il programma completo.

L’evento si terrà presso la sala della Protomoteca in Campidoglio dalle 9.30 alle 13.00.
La partecipazione è gratuita previa registrazione.

In copertina: Fleet Street at 5 © Sascha Kilmer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *