MEZZI PUBBLICI IN UE: MAI COSÌ USATI

L’Associazione Internazionale del Trasporto Pubblico, che riunisce tutti gli operatori del settore, ha pubblicato uno studio che rivela che, dal 2000, mai si era registrato un uso dei trasporti pubblici così alto.
Si stima che in un giorno medio lavorativo i viaggi compiuti siano 182 milioni e che, in tutta Europa, durante il 2012, siano stati effettuati 57 miliardi di spostamenti.
Per quanto riguarda la ripartizione di questi, vince con distacco l’utilizzo degli autobus che vantano circa il 56% dei passeggeri totali. La metropolitana è stimata al 16%, tram-vie e ferrovie al 14%.

I dati mostrano, come tendenza generale, che l’incremento della domanda di trasporto pubblico tra il 2000-2012 in UE avviene in modo direttamente proporzionale alla crescita della popolazione urbana.
Gli stati in cui si registra una maggior utilizzo del trasporto pubblico (più di 150 viaggia per abitante nel 2012) sono Austria, Repubblica Ceca, Polonia, Ungheria, Romania, Lituania, Estonia e Lussemburgo. Per Italia, Francia, Portogallo, Regno Unito, Belgio, Germania, Croazia, Slovacchia, Lettonia, Finlandia e Svezia sono stati stimati un numero di viaggi compreso tra 150 e 100. Al di sotto dei 100 invece troviamo Spagna, Irlanda, Danimarca, Slovenia, Malta e Cipro.
(Non sono disponibili i dati delle altre nazioni).

Nonostante la crescita relativamente costante della domanda, il quadro complessivo rimane molto diversificato sia in termini di livelli di utilizzo  sia in termini di sviluppo. Ad esempio, molti paesi mostrano significative variazioni della domanda prima e dopo la crisi del 2009, che ha fatto registrare in media un calo significativo. Irlanda e Spagna, invece, mostrano un forte aumento della domanda proprio dopo questa data.

Per approfondire, in allegato il documento relativo allo studio effettuato.

In copertina: ho perso il tram! © the rik pics

 

                                                                                                                                                                                                                  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *