CAR SHARING DI NUOVA GENERAZIONE

“In tema di sostenibilità ambientale e mobilità alternativa governi e aziende si stanno già impegnando per migliorare il futuro del nostro pianeta. Ma anche le persone possono fare la loro parte”.  Con queste parole Robin Chase, esperta di mobilità, è intervenuta a Mobilìs alla conferenza “Evoluzione dei modelli economici: quali saranno gli operatori della mobilità di domani”. 
“Negli ultimi 50 anni
– spiega Chase – abbiamo avuto l’idea dell’economia di scala, ma con internet non c’è più questo concetto. Non ho più bisogno di comprare la risorsa. Ad esempio ho comprato uno smartphone per telefonare, ma poi posso farci un sacco di altre cose! E’ una sovracapacità, che mi permette di ridurre i costi. E’ proprio su questo concetto che si fonda l’idea di www.buzzcar.com”.
Buzzcar è un servizio di car-sharing molto diverso da quello tradizionale, in quanto ottimizza l’uso delle auto già esistenti e spesso poco utilizzate.
Si calcola infatti che oggi, possedere e utilizzare un auto costa circa 5 mila euro all’anno, e in media il veicolo viene utilizzato solo per 1-2 ore al giorno. Buzzcar è una piattaforma che permette agli utenti di mettere in rete la propria auto per il noleggio, e quindi di massimizzare il bilancio personale senza sacrificare la mobilità di tutti.
“Individui e  aziende
– continua Chase –  mettono la loro sovracapacità di macchine nella nostra rete per farla condividere con altri. Dallo smartphone trovo le macchine e le posso prenotare solo  per il giorno e l’ora in cui ne ho realmente bisogno.”
Buzzcar permette infatti di mettere a disposizione la propria auto mentre non la si utilizza (ad esempio durante l’orario di lavoro) e usare quella di altre persone dove e quando lo si desidera. “Il portale è stato aperto 4 mesi fa e abbiamo 1000 macchine nella rete) e 3000 persone hanno già richiesto di noleggiare le auto”. Questa rete permetterà alle persone che già hanno una macchina e che la mettono a disposizione degli altri di ammortizzare le proprie spese di manutenzione, mentre chi non la possiede avrà la possibilità di noleggiarne una a costi sicuramente più bassi di quelli di un normale autonoleggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *