Big Data e IoT: Trenitalia in trasformazione digitale

Il gruppo Ferrovie dello Stato è una delle realtà italiane che più stanno puntando sull’innovazione e sulla trasformazione digitale, per coniugare il miglioramento dell’efficienza e l’aumento dei livelli di servizio ai clienti. Con due grandi progetti: il piano decennale 2017-2026, che comprende una piattaforma digitale per la mobilità con ogni mezzo di trasporto (dai treni al bike sharing) per accompagnare il cliente in tutto il suo tragitto con un unico titolo di viaggio, e lo sviluppo di un modello di manutenzione dinamico e predittivo basato su tecnologie Internet of Things e Big Data Analytics.

Il sistema DMMS (Dynamic Maintenance Management System), sviluppato da SAP, Politecnico di Milano e Scuola superiore Sant’Anna di Pisa, per prima cosa implica l’installazione sui componenti a più alto costo di manutenzione (come motori, batterie, sistemi frenanti) di sensori – da 500 a 1000 per treno – che raccolgono i dati e li trasmettono all’applicativo SAP Predictive Maintenance and Service. L’elaborazione immediata dei dati permette il monitoraggio in tempo reale dello status dei veicoli, ma ha anche capacità predittive: rilevando il superamento di valori soglia di determinati parametri di comportamento, che indicano un guasto imminente, DMMS può avviare degli interventi prima che il guasto provochi fermi e disservizi. Il sistema è già in uso sui treni Frecciarossa, ma sta per essere gradualmente esteso a tutta la flotta Trenitalia, che ha completato un progetto pilota su 700 treni regionali a medio e corto raggio.

L’applicazione di DMMS comporterà un buon risparmio sui costi di manutenzione totali e sui costi di disservizio, migliorando la qualità e la tempestività degli interventi. Ma i benefici potranno anche essere estesi alla customer care, sia perché aumenta direttamente l’efficienza del servizio, sia perché, integrato con sistemi aziendali come il CRM (Customer Relationship Management), può migliorare l’informazione e il rapporto con i clienti. Per esempio, se il motivo del malcontento di un cliente è un ritardo su un treno a lunga percorrenza, Trenitalia potrà contattarlo spiegandogli cos’è successo ed eventualmente fare delle azioni di rewarding personalizzato per recuperare.

“L’azienda è impegnata in un processo continuo di innovazione di servizi e modalità operative, anche grazie agli investimenti nelle tecnologie digitali, per rendere i viaggi più efficienti, sostenibili e veloci e migliorare l’esperienza dei clienti” spiega Barbara Morgante, amministratore delegato di Trenitalia”; “questo nuovo sistema di manutenzione dinamica e predittiva con SAP fa parte di questa strategia e darà un contributo fondamentale non solo nell’offrire servizi migliori, riducendo nel contempo i costi industriali, ma soprattutto nel profondo cambiamento culturale che la trasformazione digitale del settore trasporti ci richiede“.

di Emanuela Donetti

In copertina: Partiamo già per le ferie? – We leave on vacation already? © Lorenzoclick

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *