BIENNALE DEMOCRAZIA

Partecipazione e condivisione, le due parole chiave che da sempre caratterizzano la Biennale Democrazia che torna quest’anno a Torino per concentrarsi quest’anno sul tema “Passaggi“.

Dal 25 al 29 marzo torna questa manifestazione culturale promossa dalla Città di Torino e realizzata dalla Fondazione per la Cultura Torino che per quest’ultima edizione si concentrerà in modo particolare sui cambiamenti del modo di produrre e scambiare le merci, la circolazione dei capitali, il precariato, le difficoltà dovute alla crisi economica e i modi possibili per uscirne.

Cosa si intende per Passaggi? Sono i collegamenti fra due luoghi separati da un confine, un muro o una barriera che può essere fisica, mentale o virtuale. I Passaggi possono a volte determinare delle svolte, delle soglie al di là delle quali il mondo e la percezione che ne abbiamo muta, come accade per le fasi della vita degli individui o per le epoche storiche.

La Biennale Democrazia vuole cercare di affrontare questi snodi attraverso un laboratorio permanente d’idee aperto a tutti, con una particolare attenzione nei confronti degli studenti delle scuole superiori e dell’università. Incontri preparatori, workshop di discussione tematica, lezioni, dibattiti, letture, forum, seminari di approfondimento e momenti diversi di coinvolgimento attivo della cittadinanza. Di grande valore anche la presenza di protagonisti autorevoli della cultura nazionale e internazionale, e con la collaborazione di oltre 70 tra istituzioni, enti e associazioni, che rendono possibile una ricca circolazione di idee, suggestioni, proposte. Non solo: ci saranno anche aventi d’arte, cinema e teatro.

Il programma è già on-line ed è possibile avere maggiori informazioni sul sito.

In copertina: Fitness culturel (Biennale 2013, Lyon) © Jean-Pierre Dalbéra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *