WRITERS: A COMO ARRIVA IL PATENTINO

Nessuna concessione ai vandali che imbrattano i muri e le cui espressioni non possono certo definirsi artistiche“, così inizia il commento di Silvia Magni, vicesindaco della città di Como. Ma la novità sta nella seconda parte: “La nostra proposta è un’apertura nei confronti dell’arte e dell’espressività artistica giovanile”.

E’ stato pubblicato venerdì 5 settembre sul sito del Comune di Como l’avviso di istituzione dell’albo dei writers lanciato in via sperimentale per un anno. Ciò significa che una commissione di esperti selezionerà gli artisti che saranno autorizzati a dipingere i muri della città.
Ai creativi, che dovranno sostenere a proprie spese la realizzazione delle opere, sarà consegnato un patentino che potrà essere ritirato in caso inadempimento delle regole stipulate. Può iscriversi all’albo chiunque svolga il graffitismo di qualunque genere ed effettuato con qualunque tecnica grafica (pittura spray, sticker, poster), singolarmente o in gruppi ed associazioni. Necessaria la maggiore età e la residenza a Como e provincia.
La commissione che eleggerà i writers è composta anche da esperti come docenti della scuola superiore di II grado Setificio, dell’accademia Galli e dell’associazione “Per Como Pulita”.

La volontà da parte del comune è distinguere cosa è arte da cosa è imbrattamento. In questo modo si cerca da un lato di contenere il fenomeno del vandalismo, dall’altro si riconosce l’estro degli artisti dando loro la possibilità di rendere alcune zone della città esteticamente più piacevoli.

Per maggiori informazioni sul bando è possibile consultare l’Albo Pretorio on-line sul sito del comune o mandare una mail a informagiovani@comune.como.it

In copertina: lord © iko

 

Comments are closed.