STORIE DI CASA, A TORINO

Mercoledì 16 aprile appuntamento all’Urban Center di Torino con il secondo incontro del ciclo “STORIE DI CASE 2 / PITAGORA”.

L’iniziativa prende il via dagli esiti del progetto di ricerca sugli edifici residenziali collettivi costruiti nei decenni di espansione successivi alla seconda guerra mondiale a Roma, Milano e Torino, Architetture per i ceti medi nell’Italia del boom, condotto da Politecnico di Torino, Politecnico di Milano, Università di Roma La Sapienza e pubblicato nel volume Storie di case. “Abitare l’Italia del boom” a cura di Filippo De Pieri, Bruno Bonomo, Gaia Caramellino e Federico Zanfi (Donzelli, Roma 2013) ed è dedicata al grande insediamento torinese progettato dal Collettivo di Architettura e realizzato nei primi anni ’70 da 14 cooperative riunite nel Consorzio edilizio Pitagora.

«Il condominio Pitagora ha una mole imponente, che contraddistingue uno dei luoghi in cui la periferia industriale di Torino inizia a farsi città. I suoi dieci piani in mattoni rossi e cemento a vista, ricchi di chiaroscuri e linee spezzate, non sfuggono all’occhio di chi – provenendo dalla cintura sud-occidentale o da Mirafiori – percorre in auto corso Orbassano in direzione centro. Il suo profilo segmentato si sviluppa per circa 190 metri su tre fronti: corso Orbassano, corso Cosenza e piazza Pitagora. […] La storia dell’edificio inizia nel 1967, con il varo del secondo piano triennale Gescal destinato alle sole cooperative edilizie»..
Gli studiosi del caso, Emanuela Andrini e Davide Cutolo, anche grazie alle testimonianze degli abitanti, illustrano la storia di questo edificio e guidano il pubblico in una visita dei suoi spazi.

L’incontro si terrà presso la sala comune accesso lato corso Orbassano 255 del Condominio Pitagora alle ore 18.00. L’ingresso è libero fino ad esaurimento posti.
In copertina: A small piece of Torino © mortenjohs

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *