FORESTA GALLEGGIANTE, NEL CUORE DELLA CITTÀ

Riciclo, innovazione e riduzione dell’anidride carbonica, ecco i tre pilastri su cui si fonda il progetto “In search of habitus” ossia l’ambizioso disegno di Bobbing forest del visual artist Jorge Bakker presentato ormai quasi sei mesi fa in Olanda.

Un bosco che galleggia sull’acqua in un’ansa portuale di Rotterdam. Niente di più semplice. Niente di più visionario.

La foresta sull’acqua prende forma grazie al riciclo di vecchie boe di segnalazione, che venivano un tempo utilizzate per smistare il traffico fra le decine di attracchi e moli di Rotterdam, fino allo sbocco sul mare del Nord, all’interno delle quali verranno impiantati alberi eliminati dagli spazi metropolitani (per lo più si tratta di olmi autoctoni).

Il Riuso intelligente dei materiali è quindi il concetto chiave per questo progetto, sicuramente di realizzazione non banale visti i problemi di cura degli alberi e di bilanciamento delle boe che studenti ed esperti di diverse università si sono trovati (e si troveranno) ad affrontare.

Il progetto della Bobbing forest è finanziato per la maggior parte dalla Brotherhood Art Foundation  e da Mothership da dove dichiarano: “Mentre la città cresce e cambia, gli alberi sono costantemente piantumati, spostati e infine rimossi ed una quantità assurda di piante finiva con l’essere distrutta. Da qualche tempo a Rotterdam disponiamo di una sorta di hangar per gli alberi espunti dal territorio: la Bobbing Forest attingerà da quel polmone di ricchezza”.

Su questa idea vale la pena soffermarsi, oltre che per i benefici ambientali che ne possono scaturire, soprattutto per il “pensare differente” con cui è nato e che rappresenta il filo conduttore per lo sviluppo di progetti eco-friendly come questo.

Se guardiamo con attenzione ed interesse questa esperienza la possiamo ritrovare nel riutilizzo delle boe per la creazione della bobbing forest, come nella conversione dei pallet di legno per creare una libreria per il salotto, o un comodo tavolino per il giardino,  ma anche nella posa di veneziane con pannelli solari che una giovane coppia decide di integrare nella loro nuova casa, e ancora nell’idea del vostro vicino di casa di riusare un vecchio barbecue come fioriera per il giardino. E allora capiamo che diventa importante pensare in maniera differente e che, anche nel piccolo della nostra vita, possiamo diventare amici dell’ambiente!

di Fabio De Martino

Foto in copertina: Rotterdam: Het Witte Huis anno 2005. Own photo, May 13, 2005. © Quistnix
Dal sito Wikimedia Commons

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *