UN TOUR TRA AGRICOLTURA E ALIMENTAZIONE

Tutti in carrozza! Riparte il Treno Verde, lo storico convoglio di Legambiente e del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane.
È oggi il primo giorno di quello che sarà un viaggio affascinante nel mondo dell’agricoltura e dall’alimentazione per raccontare le eccellenze dei territori e le migliori esperienze dell’agricoltura italiana di qualità.
Stazione dopo stazione, scivolando sui binari d’Italia dal 18 febbraio all’11 aprile, il Treno Verde ci porterà alla piena conoscenza dei percorsi di produzione, dalla semina alla distribuzione, di ciò che mangiamo.

Quest’anno, il percorso del Treno Verde prevede 15 tappe: dopo la partenza a Roma si giungerà a Caltanissetta, Palermo, Bari, Pescara, Battipaglia, Napoli, Termoli, Latina, Perugia, Arezzo, Chiusi, Parma, Vicenza e Cuneo. Tappa finale Milano, destinazione Expo.


Ogni carrozza di questo treno speciale ospita uno spazio espositivo e d’incontro, un percorso interattivo ed esperienziale dedicato ai temi dell’agroecologia e della sana alimentazione:

I CARROZZA
Agricoltura o agricolture? Da dove nasce il cibo? Dal mondo dell’agroecologia alla scoperta della terra, a partire dalla difesa e tutela del suolo fino alla mitigazione dei mutamenti climatici e alla riduzione dei consumi. Speciale didattica: un percorso interattivo per scoprire da dove nasce il cibo.

II CARROZZA
La terra e il territorio. Chi produce il cibo? Produzione nel rispetto dei territori e buone pratiche tutte italiane che consentono al nostro Paese di praticare una green economy capace di raccogliere frutti nell’ambito economico, sociale, ambientale e turistico, a partire dagli Ambasciatori del territorio.
Uno spazio speciale sarà dedicato al treno e al turismo ecosostenibile e slow attraverso i binari d’Italia.

III CARROZZA
“Chi Mangia? Cosa mangia?”. Dall’etichettatura alla corretta e sana alimentazione, dalla stagionalità alla dieta mediterranea. Speciale didattica: impariamo a fare la spesa sostenibile, zero imballaggi e massima qualità.

IV CARROZZA
Agricoltura e sociale. Il percorso – mostra si conclude con un focus specifico sull’agricoltura sociale, dagli orti in città ai diritti, fornendo anche una nuova prospettiva sulla legalità, raccontata attraverso le esperienze di Libera Terra.

Per maggiori informazioni visita il sito.

In copertina: Prati di Colfiorito © Luigi Alesi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *