SEMINARE IN PRIMAVERA, EVITARE LE ZANZARE D’ESTATE

Ora che il solstizio di primavera è passato, con tanto di eclissi solare annessa, e le ore di luce sono diventate maggiori di quelle di buio, possiamo cominciare a fare qualche progetto per la stagione calda in arrivo. Ma non parlo di pic-nic in montagna o escursioni tra dune sabbiose. Quattro mura in città torna svelandovi quali piante potranno essere nostre preziose alleate contro uno dei più fastidiosi nemici contro il quale ci ritroviamo a combatte, purtroppo, ogni estate: le zanzare. Prendiamo spunto da questo elenco e cominciamo a procurarci qualche vasetto per difenderci e goderci l’estate con qualche puntura in meno sulle braccia.

CITRONELLA
Un grande classico. Tutti sanno delle proprietà di questa pianta alla quale, appena nominata, associamo gli zampironi delle cene di luglio. Tuttavia, avere una pianta in giardino è spesso più efficace che ricorrere uno repellente. E’ una pianta facile da coltivare, potremmo scegliere di piantarla nel nostro giardino o in vasetti da disporre nei balconi e sui davanzali garantendole però sempre molta luce e ponendola in luoghi non troppo umidi. Il momento giusto per seminarla è tra marzo e luglio.

MELISSA
Detta anche Cedrina o Cedronella e quindi da non confondere con la precendente. Ricorda la pianta dell’ortica, ha foglie simile alla quelle della menta ma il profumo è simile a quello del limone. Il suo colore è verde intenso nella parte superiore e più chiaro all’interno delle foglie che sono cosparse di cellule oleifere. La Melissa resiste alla siccità e cresce bene anche in ombra. La semina avviene in primavera.

ERBA GATTA
Si strusciano contro, si rotolano in mezzo, la masticano, la leccano e ci fanno le fusa: i gatti adorano la Nepeta Cataria poichè contiene nepetalattone, una biomolecola che ha delle caratteristiche simili ai loro feromoni. Appartiene alla stessa famiglia della precedente, profuma di menta e ha un fusto eretto, legnoso e di colore grigio; i suoi piccoli fiori di color bianco-rosato hanno con punte rosse e macchie color lavanda tanto amati dalle api quando fioriscono tra maggio e agosto. La pianta tollera sia le basse, sia le alte temperature ma ha bisogno di terreni ben drenati. Compare con primi calori primaverili e si moltiplica per divisione dei cespi in marzo-aprile.

CALENDULA
Innumerevoli gli usi di questa pianta che, nelle regioni dai climi più freddi, si semina tra aprile e maggio. Ideale per respingere le zanzare, preferisce terreni freschi, ricchi di sostanza organica e ben esposti al sole: per questo cresce bene sulle coste nelle regioni meridionali dell’Europa. E se l’odore della pianta non riesce a far desistere gli insetti alla caccia del vostro sangue, usate le sue foglie: pare che pestare due foglie e tenerle sulla pelle irritata per circa una decina di minuti possa alleviare il prurito.

BASILICO
Instancabile protagonista della cucina nostrana, si comincia a piantare con l’inizio della primavera ma si può continuare fino a luglio. Il basilico si trova in diverse varietà. Quelle da privilegiare per scacciare le zanzare sono il basilico alla cannella (basilicum ‘Cinnamon’), una varietà originaria del Messico, e il basilico lemon, che differisce dal basilico comune per l’intenso aroma di limone sprigionato dalle sue foglie. Non posizionatelo in zone battute dal vento. Perfetto esporlo a Sud, Sud-Est in zone non battute dal vento. Necessita di una moderata umidità e non sopporta le temperature inferiori ai 10°C.

LAVANDA
Non attirerà le zanzare, ma è amata da vespe e api, che comunque non si interesseranno a voi se le lasciate ronzare senza disturbo. La sua fioritura è molto lunga. La prima inizia in primavera ed è la più abbondante durante la quale i fiori rimangono freschi a lungo sui lunghi steli che li sostengono. Quando l’autunno è mite è possibile che i cespugli di lavanda ci regalino l’ultima fioritura verso settembre e ottobre.
Impossibile non associare questi fiori viola con le terre della Provenza: la buona notizia è che si tratta di una pianta che può essere coltivata anche in vaso, purché abbiano un diametro di almeno una trentina di centimetri.

MENTA PIPERITA
Se stiamo passeggiando per i campi e c’è una piantina di menta a qualche metro di distanza sentiremo il suo profumo inconfondibile. Così anche le zanzare, alle quali però l’odore da fastidio.
Fiorisce in tarda primavera-estate, preferisce i luoghi un po’ più freschi e ventilati e ha bisogno di almeno 14 ore di luce per poter fiorire.

ROSMARINO
Il rosmarino, con le sue piccole foglie addensate numerosissime sui rametti deve essere coltivato in posizione soleggiata al riparo di muri dai venti gelidi in zone di clima mite. Si può tenere in casa in un vaso, o all’esterno e in genere, una volta attecchito, questo arbusto legnoso e perenne prospererà per anni. Il rosmarino si presta anche per creare anche piccole siepi profumate: può crescere fino a tre metri! Vi terrà lontani tanti gli insetti, tra cui le zanzare; attrae invece le farfalle, riuscirete a sopportarle?

Preparate  vanga e rastrello!

In copertina: Big Mosquito © fs999

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *