LA CASA PER LE BICI

La bicicletta al centro dei nuovi modi di vivere all’insegna dell’eco-consciousness. A Malmo, in Svezia, lo studio Hauschild + Siegel sta realizzando un edificio residenziale progettato a partire dalle esigenze di abitanti che non posseggono l’automobile e scelgono le due ruote per spostarsi in città.

Niente garage, ma aree di bike-parking esterne e 55 appartamenti pensati per ospitare al loro interno le biciclette. È possibile infatti pedalare fino in cucina e muoversi liberamente per tutto l’appartamento in sella alla propria bici, arrivando direttamente dalla strada. “Se compri qualcosa di fresco puoi parcheggiare direttamente davanti al frigo per conservarlo velocemente” ha detto ironicamente l’architetto Cord Siegel. Gli spazi di passaggio, le aperture e gli ascensori hanno dimensioni maggiori, per manovrare comodamente sia le biciclette sia le cargo bike, molto diffuse nei paesi del Nord Europa, utilizzate per trasportare i bambini, la spesa o altri carichi “ingombranti”, e per condurle fin dentro casa per scaricare eventuali pesi senza fare fatica. Perfino la posizione del complesso è strategica: vicino alla stazione, vicino al centro città, per ridurre e agevolare al massimo gli spostamenti degli inquilini.

 Tutto ciò ha comportato accorgimenti tecnici come, ad esempio, la doppia entrata degli ascensori, di modo che la bici si trovi sempre nel verso giusto di marcia, le finiture in cemento alle pareti – sia quelle degli spazi comuni che quelle delle abitazioni – più durevoli e facili da pulire per ridurre al minimo i costi di manutenzione; le finestre circolari invece rimandano alle ruote della bicicletta, che diventa anche elemento di ispirazione formale e espressiva.

In questo sistema di bike housing ci sono anche degli spazi di servizio e manutenzione e i residenti possono accedere a un servizio annuale di assistenza tecnica per i loro mezzi di trasporto, a un abbonamento al servizio di bike-sharing (per chi, per esempio, va al lavoro con i mezzi pubblici), al car-sharing nel caso in cui necessitassero di un’automobile e avranno a disposizione biciclette per gli ospiti.

Il progetto prevede anche la selezione degli inquilini, che verrà valutata in base all’effettivo utilizzo del mezzo a due ruote da parte del candidato.

Un lifestyle green, con la bicicletta che diventa un’estensione dell’abitante e dunque cambia il concetto stesso di abitabilità.

In copertina: Riding away © Planetgordon.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *