GUARDAMI, È LA GIORNATA DELLA BIODIVERSITÀ

Oggi si celebra la Giornata Mondiale della Biodiversità, voluta dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite per celebrare e proteggere la varietà di fauna e flora del Pianeta. Nonostante le numerose azioni di tutela, non bisogna dimenticare che sono ancora tante le specie a rischio estinzione.

Il nostro Paese detiene il primato della biodiversità nel Vecchio Continente (il 43% del totale), ma solo in Italia sono ben 355 le specie in difficoltà, in particolare  161 specie animali e 194 vegetali che rischiano di scomparire.
Questo è dovuto a molti fattori tra cui inquinamento, urbanizzazione deregolamentata e spesso abusiva, distruzione dei boschi, allevamenti intensivi, costruzione di infrastrutture, cambiamenti climatici e relativo innalzamento delle temperature, contaminazione delle falde acquifere e molto altro ancora.

Tutelare la biodiversità ha un enorme valore anche in chiave di sviluppo.  La biodiversità è infatti il “capitale naturale” del pianeta. Dal suo mantenimento dipendono il cibo e le materie prime, la regolazione delle acque e lo stoccaggio della CO2, mentre la sua compromissione danneggia gli ecosistemi e anche l’economia. Secondo l’Ocse, i danni causati dalla perdita della biodiversità, da qui al 2050, sono stimabili tra i 2 e i 5 trilioni di dollari all’anno.

Rossella Muroni, direttrice generale di Legambiente ricorda “La ricchezza del nostro patrimonio ambientale va considerata come una risorsa per proporre modelli di sviluppo nel segno della green economy. La biodiversità può e deve essere una leva su cui puntare per rilanciare l’economia del Paese”.

E allora, ricordiamoci tutti ogni giorno, non solo in questa giornata, che abbiamo un patrimonio da rispettare e preservare. In gioco c’è il futuro di tutti noi.
Per approfondire potete consultare il Dossier Biodiversità a rischio 2014 elaborato da Legambiente.

In copertina: Tortoise X © Marcelo Paz

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *