EXPO 2017 ASTANA: ENERGIA DEL FUTURO

Tra il 10 giugno e il 10 settembre 2017 si svolge ad Astana, capitale del Kazakistan, Expo 2017, “L’energia del futuro“: un evento per raccogliere e far conoscere le tecnologie e le politiche più innovative in tema di efficienza energetica e riduzione delle emissioni di CO2. 

Il tema scelto dal Kazakistan è probabilmente la questione più imminente da affrontare e su cui è necessario che i governi di tutto il mondo riescano a collaborare, sulla scia dell’Accordo di Parigi sul clima e dell’Agenda 2030 di sviluppo sostenibile adottata dalle Nazioni Unite. Tema centrale soprattutto per il futuro, non solo in termini di ambiente e di salute pubblica, ma anche in relazione alla crescita economica e sociale delle comunità che vivono sul nostro Pianeta. Ed è per questo che, nelle intenzioni degli organizzatori, è irrinunciabile un confronto tra governi che prenda in seria considerazione le problematiche che i Paesi in via di sviluppo si trovano a dover affrontare, anche in termini degli effetti dei cambiamenti climatici sulle economie locali.
Il tema “L’energia del futuro” viene proposto in quattro aree. “My future Energy”, l’uso dell’energia nella vita quotidiana; “Energy for life”, l’efficienza energetica nella pianificazione della città e delle infrastrutture; “World of Energy”, le soluzioni per uno sviluppo sostenibile con riduzione di emissioni di anidride carbonica; “Energy for all”, l’accesso equo all’energia sostenibile per la popolazione mondiale.

Quella di Astana è un’expo “specializzata”: si svolge tra le Esposizioni Universali di Milano 2015 e Dubai 2020 e differisce da queste per durata (3 mesi), dimensioni (aree espositive più piccole) e per il fatto che i Paesi partecipanti non possano costruire propri padiglioni, ma solo arredare gli spazi forniti dagli organizzatori.

Il sito di Expo 2017 occuperà ben 174 ettari, uno spazio più grande di quello che Milano aveva dedicato ad Expo 2015, 110 ettari di superficie espositiva. Il simbolo dell’esposizione è il padiglione del Kazakistan: la più grande struttura sferica mai costruita al mondo, con ben 80 metri di diametro, tutta in acciaio e vetro, il centro fisico e simbolico dell’area.

Presenti 22 organizzazioni internazionali e 113 Paesi. Il palinsesto degli eventi si preannuncia ricchissimo: in programma 1000 tra incontri e conferenze oltre a 3000 show d’intrattenimento. Gli organizzatori si aspettano oltre 5 milioni di visitatori, di cui l’85% proveniente dal Kazakistan e il resto dell’Asia Centrale.

Per cento giorni la capitale kazaka sarà il centro mondiale del dibattito su energie rinnovabili e green economy, su cui il Paese sta progettando il suo futuro nonostante gas e petrolio abbondino nel proprio sottosuolo.

In copertina: _alem_1 © expo2017astana.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *