EDILIZIA SOSTENIBILE: L’ECOMATTONE

Tra i materiali da costruzione eco-friendly, oltre a quelli già trattati negli articoli precedenti, troviamo anche dei mattoni green il cui impiego sta prendendo piede anche in Italia. Si tratta degli eco mattoni di canapa e calce.
Presentati, riscontrando un enorme successo, all’ultimo Made Expo di Milano l’eco mattone e il beton naturale rispondono appieno alle esigenze green e di confort abitativo richieste dal mercato, soprattutto negli ultimi anni.
Richieste che sono molto alte: dalle certificazioni energetiche obbligatorie, alla ricerca del risparmio energetico (che si traduce in risparmio monetario e in salvaguardia dell’ambiente) e ancora ricerca del confort abitativo “naturale”. 
Formati da truciolato vegetale di canapa miscelato con un legante a base di calce idraulica e additivi naturali questi mattoni green presentano, una volta induriti e terminati i processi produttivi, ottime qualità dal punto di vista dell’isolamento termo-acustico e dell’impatto ambientale (garantiscono risparmi energetici notevoli una volta posati in opera, coniugando anche un basso impatto ambientale per la loro produzione. Le abitazioni realizzate con questo tipo di materiale presentano perciò ottimi indici in termini di energia grigia* e ottime capacità di riciclo e smaltimento a fine vita). Inoltre il bio mattone e l’eco beton permettono, grazie all’utilizzo della canapa di “ingabbiare” significative quantità di Anidride carbonica (indicativamente un metro cubo di Biomattone ingloba 18 kg di Co2 e  un metro cubo di Natural Beton ne imprigiona oltre 60).
Azienda pioniera nello studio e nello sviluppo di questi materiali è la start-up Equilibrium: “nata con l’obiettivo di ripristinare la filiera della canapa in Italia, e ridare opportunità di sviluppo al Belpaese”.
Vari studi dimostrano come l’uso, prolungato e continuo, di questo tipo di mattoni (eco mattoni di canapa e calce, eco mattoni di paglia e calce etc.) permette di risparmiare fino al 90% dell’acqua, e fino ad un terzo dell’energia, usata per la produzione di stesse analoghe quantità di materiali in cemento (considerando anche il consumo di acqua per la crescita dei sistemi verdi). Inoltre l’opportunità di coltivare la Canapa direttamente vicino ai cantieri (soprattutto di medie-grandi dimensioni) permette di avere un sistema costruttivo veramente a km 0 (per la facilità di coltivazione basti pensare che la pianta cresce fino a 6 metri in soli 4 mesi!).
Il truciolato di canapa, derivante dalla lavorazione degli steli della pianta matura, funziona come l’aggregato naturale del beton, sostituendo la ghiaia e la sabbia normalmente impiegate per la produzione del calcestruzzo. Proprio l’adozione di questo materiale permette di ottenere sistemi costruttivi con elevate capacità termoisolanti ed ottime capacità di smaltimento e riciclo.
Sicuramente anche questi eco mattoni e questo beton naturale vanno aggiungi alla lista dei materiali trattati nei precedenti articoli che si distinguono per la volontà d strizzare l’occhio all’ambiente.

*Energia grigia: quantità di energia necessaria per produrre, trasportare e smaltire un prodotto o per assicurarne un servizio.

In copertina: biomattone © http://is.gd/4hapCd

di Fabio De Martino 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *