COME SI CONDIVIDE L’ENERGIA DEL SOLE

In quanti siamo favorevoli alle energie rinnovabili, e quanti vorrebbero poter usufruire dell’energia del Sole? Nonostante i vantaggi sul lungo periodo, non tutti possono permettersi il fotovoltaico. Principalmente gli ostacoli sono due: l’ingente costo iniziale, e non avere un tetto adeguato o in una posizione non favorevole per l’installazione dei pannelli.
Solar Sharing Network è il nome di un progetto nato negli USA dalla startup israeliana Yeloha che ha creato una rete di condivisione dell’energia solare peer-to-peer. Il servizio per ora è attivo in Massachusetts e si basa su due tipi di utenti: gli host e i partner. I primi sono i proprietari dei tetti, a cui sarà data la possibilità di installare gratuitamente i pannellli solari e condividre l’energia che generano. I secondi, chiunque voglia beneficiare dell’energia pulita ma che, per diverse ragioni, non hanno la possibilità di produrla sui propri tetti. Dunque, abbonandosi al servizio, l’utente ha la possibilità di acquistare l’energia prodotta da chi, nella stessa rete, può produrla.

L’Italia non sta a guardare: anche nel nostro paese l’energia verde si condivide.
L’impianto fotovoltaico Masseria del Sole, situato a Lecce, ha iniziato a fornire energia pulita ai soci della Cooperativa Energia Verde WeForGreen. Collocato in un’area dismessa, sopra ad una discarica esaurita e bonificata, l’impianto conta 4.158 moduli installati e una produzione annua registrata di 1.544.000 kWh assicurando energia si soci della cooperatica in proporzione al numero di quote acquistate. Vantaggi? Rendersi indipendenti dai grandi operatori risparmiando e riducendo l’impatto sull’ambiente.

Un’altro buon esempio è stato presentato a Solarexpo, la fiera dedicata al fotovoltaico, il solare termico e termodinamico e l’architettura solare, da Coenergy. Si tratta di un servizio di noleggio dei pannelli:  i clienti avranno accesso all’energia solare prendendo in prestito i pannelli e quindi senza doverli propriamente acquistare. I vantaggi economici di questa soluzione non finiscono qui: non sono previsti anticipi per l’avvio dei lavori e il servizio prevede anche il pagamento posticipato della prima rata. Al termine della durata prevista, si potrà decidere se rinnovare il contratto, acquistare i pannelli fotovoltaici noleggiati o se restituirli.

Per completare il quadro, citiamo anche Italia Solare e si tratta di un progetto associativo che si rivolge a chiunque voglia sostenere il fotovoltaico in Italia. L’associazione è aperta ai produttori di energia, ai semplici sostenitori e agli operatori. L’obiettivo del progetto è l’informazione e la comunicazione: sensibilizzare l’opinione pubblica sui vantaggi del fotovoltaico, garantire una informazione corretta, difendere gli interessi dei proprietari di impianti fotovoltaici e degli operatori del settore e offrire consulenze tecniche, amministrative e legali su norme e leggi nuove ed esistenti.

In copertina: Solar Energy (Veneto 19) © Collin Key

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *