A GOOGLE NON PIACE STRASBURGO

A chi non capita di viaggiare per la mappa del colosso Google, cercando indicazioni stradali, sognando mete esotiche, passeggiando con street view tra le strade della città in cui vorremmo recarci o cercando se, quando i satelliti e le videocamere hanno immortalato le vie del nostro paese, siamo restati immortalati anche noi, magari mentre andavamo a prendere il pane.

Recentemente, durante uno di questi viaggi virtuali, volavo sopra i confini che separano Francia e Germania e mi prefiguravo la route che avevo pianificato per il weekend. Ho chiesto al search di google map di indicarmi Basilea, la città svizzera situata in un’ ansa formata dai confini franco-tedeschi, e da qui ho cominciato a saltellare verso nord, tra Foresta Nera e Alsazia, passando per Friburgo, Colmar, Gengenbach e infine la mia preferita, Stras… Ma, aspettate, non c’è! Dov’è Strasburgo? Deve essere qui, non può essere molto più a nord! Ero convinta che fosse esattamente di fianco alla tedesca Kehl, proprio dall’altra parte del Reno.

Muovo la rotella nel mio mouse in quel punto e, dopo due o tre zoomate, ecco che appare: “Strasbourg“, soffocato evidentemente dal nome di una serie di quartieri e città limitrofi. Addirittura, prima del nome di quella che è conosciuta in tutto il mondo per essere sede del parlamento europeo, appaiono i nomi “Esplanade” e “Neudorf”, due suoi quartieri. Provare per credere!

Google, questa ce la devi spiegare!

di Giulia Cattoni

In copertina: Strada di Strasburgo © cnadia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *