YE ZI: L’AUTO “A EMISSIONI NEGATIVE”

Come guideremo nel 2030? I nostri spostamenti saranno più ecologici? Sembra proprio di sì. In occasione del Salone dell’auto di Pechino, che apre i battenti il 23 aprile 2010, la Shanghai Automotive Industry Corporation (Saic) presenta la sua Ye Zi: il nuovo concept per l’auto del futuro.
Ye Zi, il cui nome significa “foglia”, supera il concetto di emissioni zero e punta a quello di emissioni negative, cioè a un veicolo capace di assorbire più Co2 di quella che emette. La novità è legata alla struttura dell’auto, realizzata in metal-organic frameworks, materiali porosi dall’area superficiale molto estesa, che promettono di assorbire l’anidride carbonica dall’atmosfera, proprio come nella fotosintesi clorofilliana. La Co2 viene poi trasformata in metano dalle celle a combustibile microbiche posizionate nei bio-reattori del veicolo, rilasciando solo ossigeno nell’atmosfera. E non finisce qui. Il gruppo di ricerca della Saic sottolinea che Ye Zi è la prima auto al mondo a utilizzare l’energia eolica, grazie a dei rotori incorporati nelle ruote utilizzabili sia per la trazione che per ricaricare le batterie del veicolo, quando questo non è in movimento. Inoltre, il tettuccio a forma di foglia è ricoperto di pannelli fotovoltaici orientabili, che in futuro si ipotizza potranno essere sostituiti da una vernice fotovoltaica meno ingombrante e più efficiente.
I primi dubbi non sono tardati ad arrivare: il processo di trasformazione della Co2 per ora è piuttosto lungo e complicato, e l’auto soffre di scarsa aerodinamicità per le pale eoliche nelle ruote. Riuscirà Ye Zi a passare dal concept alla realtà? Il successo dell’idea darebbe vita alla prima auto “a moto perpetuo”, con il solare ad alimentare un movimento in grado a sua volta di produrre energia elettrica eolica. Per non parlare dell’effetto positivo che avrebbe sull’ambiente l’eliminazione delle emissioni di gas serra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *