URBAN DESIGN, PREMIA I PROGETTI INNOVATIVI

La Metropolitana di Porto, in Portogallo, e il Progetto di integrazione urbana del Nord est di Medellín, in Colombia, sono i vincitori del Premio di Urban Design “Veronica Rudge” dell’Università di Harvard, riconoscimento attribuito a progetti innovativi riguardanti la città e la qualità della vita.
I progetti non riguardano solamente sistemi di trasporto, ma sono ritenuti innovativi perché centrano l’obiettivo di integrazione tra dimensione di artefatto urbano e le esigenze del territorio.

Il piano relativo alla metropolitana di Porto fornisce un nuovo modello di coesione regionale attraverso la realizzazione di nuove stazioni attuato collegando alla città le comunità precedentemente emarginate e trasformando lo spazio pubblico.
Nel corso degli ultimi 10 anni nella città storica di Porto sono stati creati 70 km di tunnel sotterranei per un totale di 60 stazioni metropolitane. La regione intorno alla città include sedici comuni che negli ultimi anni hanno subito un incremento demografico significativo. Il progetto è stato immaginato come strumento di coesione tra le due aree della città. Le stazioni di collegamento diventano così lo strumento fondamentale per strutturare una nuova identità geografica collettiva.

Il progetto di integrazione urbana del Nord est di Medellín prevede, invece, la realizzazione di un Metro-Cable, una funivia che collega tre insediamenti “informali” al sistema di metropolitana locale. In contemporanea al Metro-Cable, sono stati creati, intorno ad ogni stazione della funivia, nuovi parchi e campi da gioco, migliorando significativamente la qualità di vita dei residenti. Anche in questo caso, l’obiettivo è migliorare in modo significativo gli spostamenti andando a ridurre, drasticamente, i tempi di viaggio verso il centro della città così da migliorare l’accesso alla città ma soprattutto dando la possibilità a tutti i cittadini di usufruire dei servizi e delle opportunità che offre il centro.

In copertina: Metro Cable Medellín © Anna P.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *