TRENTO A BANDA LARGA

Telecom Italia e la Provincia Autonoma di Trento hanno siglato un accordo per portare la banda larga in oltre 150 mila unità immobiliari, pari a circa il 60% di quelle dell’intera provincia.
Il memorandum d’intesa è stato firmato l’8 febbraio dall’Amministratore Delegato di Telecom Franco Bernabè e dal Presidente della Provincia Lorenzo Dellai. A quest’ultimo abbiamo chiesto come sono nati il progetto e la collaborazione con Telecom. “L’accordo sottoscritto tra Provincia autonoma di Trento e Telecom Italia riguarda sostanzialmente l’ultimo miglio, ovvero la possibilità di collegare abitazioni, uffici di aziende e amministrazioni pubbliche trentine alla rete di fibre ottiche che già stiamo realizzando. Il progetto nasce dalla volontà dei due partner di investire in reti di nuova generazione e infrastrutture. L’accordo prevede un intervento diretto della Provincia di Trento di 60 milioni di euro, che si concretizzerà soprattutto in lavori di scavo e di posa della fibra, e la stessa cifra spetterà a Telecom. Insieme daremo vita a Trentino Ngn, che si occuperà di portare la fibra ottica a tutti gli utenti nelle aree urbane, mentre Trentino Network, società pubblica che sta realizzando la dorsale principale, porterà la fibra in periferia. Telecom è stato il primo partner con cui abbiamo sottoscritto l’intesa, attendiamo che altri si facciano avanti perché siamo interessati ad approfondire altre proposte e verificarne la compatibilità con i fini del progetto”.
Qual è l’obiettivo che vi ponete di raggiungere?
“Il nostro obiettivo è di portare con costi e tempi certi la fibra ottica nelle case di tutti i cittadini, nelle aziende e gli uffici dell’intero Trentino, senza distinguere che l’utente sia in città o in periferia. La Provincia autonoma di Trento non è un operatore – e tutti ne devono tener conto – ed è unicamente interessata alla diffusione capillare della fibra ottica. Chiunque ci permetterà di raggiungere questo obiettivo sarà nostro partner: parlando di ultimo miglio, posso dire che l’intesa con Telecom è senza dubbio strategica”.
Quali miglioramenti concreti otterrà la Provincia autonoma di Trento con questo cambiamento?
“L’avvento della fibra ottica permetterà ad aziende, cittadini, ai ragazzi e alle future generazioni, di poter contare su un collegamento e una connettività ultraveloce e ultrastabile. Grazie a questi investimenti, la Provincia autonoma di Trento azzererà il digital divide della periferia e daremo nuovi servizi e maggiore competitività alle nostre aziende. Faccio solo un esempio: il Trentino vive anche di turismo, localizzabile soprattutto nelle valli periferiche – basti pensare alla valle di Fassa e a Madonna di Campiglio – con un mercato internazionale sempre più condizionato da internet. In questo modo alberghi e hotel trentini potranno offrire a turisti e tour operator con la migliora qualità internet. Questo significa offrire al territorio nuovi e concreti strumenti di competitività per affrontare la sfida di un mercato sempre più globale e sempre più digitale”.

 

 

BROADBAND TRENTO

Telecom Italia and the Autonomous Province of Trento have signed an agreement to bring broadband to over 150,000 housing units, about the 60% of the entire province.
The Memorandum of Understanding was signed on 8th February by the managing director of Telecom, Franco Bernabé, and the President of the Province, Lorenzo Dellai. We asked him how did the project and the collaboration with Telecom start.
The agreement concerns basically the last mile, or the ability to connect homes, businesses and government offices of Trentino to the fiber optic network that we are already achieving. The project stems from the desire of Telecom Italy and the Autonomous Province of Trento to invest in new generation networks and infrastructures. The agreement provides a 60 million euros intervention from the Province of Trento, which will consist mainly in digging and laying of fiber, and the same amount will come from Telecom. Together we build NGN Trentino, who will bring fiber to all users in urban areas. The public company Trentino Network, instead, who is building the dorsal root, will bring the fiber to the suburbs. Telecom was the first partner with whom we signed the agreement, but we expect that others will come forward because we are interested in exploring other proposals and their compatibility with the project”.
What is your goal?
Our goal is to bring with certain costs and time optical fiber to the homes of all citizens, businesses, and offices of the whole Trentino, without distinguishing whether the user is, in a city or suburb. The Autonomous Province of Trento is not an operator – and everyone should take into account – and it is only interested in the diffusion of optical fiber. Anyone will allow us to achieve this will be our partner. Talking about the last mile, I can say that the agreement with Telecom is undoubtedly strategic”.
What concrete improvements will get the Autonomous Province of Trento with this change?
The advent of fiber optics will allow companies, individuals, children and future generations to count on a link and an ultra-fast and ultrastable connectivity. Thanks to these investments, the Autonomous Province of Trento will reset the digital devide of the suburbs and give new services and increase competitiveness for our companies. Just an example: the Trentino also lives on tourism, mainly in the peripheral valleys such as the Fassa Valley and Madonna di Campiglio, with an international market influenced by the Internet. In this way, Trentino hotels can offer to tourists and tour operators the best quality internet. This means offering new and practical tools of competitiveness to face the challenge of an increasingly global and digital market”.

 

 

di Matteo Arnaboldi

foto: Romano Magrone e Piero Cavagna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *