SPIAGGE DA CINQUE VELE… E LODE

La costa tirrenica si aggiudica la medaglia d’oro per la migliore offerta turistica balneare d’Italia. Molte spiagge di Sardegna, Puglia, Toscana e Campania hanno conquistato infatti le 5 Vele, il massimo riconoscimento nella Guida Blu di Legambiente e Touring Club Italiano, quest’anno alla decima edizione.
In queste Regioni l’eccezionale e riconosciuto pregio naturalistico si sposa con l’impegno nella salvaguardia del paesaggio e del litorale e, soprattutto, con tante iniziative di sviluppo dei servizi e di valorizzazione e tutela del territorio. “Le località che segnaliamo ogni anno con la Guida Blu sono quelle che hanno scommesso sulla qualità a 360 gradi – spiega Sebastiano Venneri, vicepresidente e responsabile mare di Legambiente – e che coniugano l’offerta turistica con il rispetto dell’ambiente, trasformandolo in un punto di forza. All’acqua pulita e ai servizi efficienti aggiungono spesso progetti per una migliore gestione dei rifiuti e qualità dell’aria, valorizzano il paesaggio, i centri storici e le produzioni tipiche, curano l’offerta enogastronomica, adottano strategie per una corretta pianificazione del territorio migliorando le condizioni di soggiorno per tutti i turisti. Alcune regioni già da tempo portano al vertice della nostra classifica una nutrita pattuglia di località e continuano a svolgere un lavoro esemplare in termini di sostenibilità e tutela ambientale, altre invece hanno intrapreso processi virtuosi anche spronate da questo lavoro che ogni anno cerchiamo sempre di migliorare”.
A dominare la classifica 2010 è la Campania con Pollica (Sa), in vetta grazie al lavoro svolto per la conservazione del paesaggio e una migliore sostenibilità ambientale. Gli edifici pubblici sono alimentati da energia rinnovabile con un sistema di pannelli fotovoltaici, il Comune ha messo al bando i sacchetti plastica, ha emesso un’ordinanza che multa chi getta mozziconi nelle spiagge e ha allestito defibrillatori per le emergenze.
Stabili al secondo posto le Cinque Terre (Sp) con i tre Comuni del Parco nazionale Riomaggiore, Vernazza e Monterosso, grazie all’equilibrio virtuoso tra sviluppo economico e prodotti della terra. Alla base il rilancio delle produzioni tipiche locali come i vini, la linea alimentare o la nuova gamma di ecobiocosmesi, attraverso un sistema di filiera a Km 0. Da segnalare anche la progressiva eliminazione delle barriere architettoniche attraverso ascensori e rampe lungo tutto il percorso di Via dell’Amore.
Conquista il terzo posto la pugliese Ostuni (Br), che ha promosso iniziative di mobilità sostenibile come il Treno+bici lungo i percorsi ciclabili della via Traiana, il progetto di recupero della Casa cantoniera ex Anas da destinare ad Albergabici e Bicigrill, a supporto del cicloturismo. Il Comune ha inoltre ottimizzato il ciclo dell’acqua, ha aperto un Centro di educazione ambientale presso l’ex stazione ferroviaria di Fontevecchia, organizza ogni anno il Festival dell’ambiente con iniziative a favore dell’agricoltura biologica, della biodiversità e della tutela del paesaggio agrario.
E per gli amanti dell’acqua dolce? La Guida Blu 2010 ha anche una parte tutta dedicata alle mete migliori per il turismo lacustre. In questo caso è il Trentino Alto Adige la Regione regina per numero di località tra le prime classificate. Questi i cinque Comuni che conquistano le 5 Vele: Appiano sulla Strada del vino sul lago di Monticolo (Bz), Fiè allo Sciliar sul lago di Fiè (Bz), Molveno sull’omonimo lago (Tn), Bellagio sul lago di Como e Massa Marittima sul lago dell’Accesa (Gr).
Non poteva mancare nemmeno la sezione dedicata alle strutture ricettive, con l’elenco aggiornato degli alberghi per l’ambiente che si fregiano dell’etichetta ecologica (Ecolabel) di Legambiente Turismo: 403 strutture per oltre 60 mila posti letto e una stima di oltre 5 milioni e mezzo di presenze l’anno.
Infine, novità di quest’anno la sezione dedicata alla nautica da diporto, realizzata in collaborazione con Ucina (Unione nazionale dei cantieri e delle industrie nautiche e affini): 14 itinerari alla portata di tutti, per conoscere il mare e le sue bellezze, con tanto manuale di istruzioni e norme per il “diportista della domenica”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *