RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI: IL RAPPORTO

L’ENEA ha presentato oggi al Ministero dello Sviluppo Economico il Rapporto 2011 “Le detrazioni fiscali del 55% per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio esistente” che fornisce il quadro complessivo degli interventi realizzati sugli edifici  residenziali secondo la normativa vigente.
Il risparmio energetico in energia primaria attribuibile agli interventi di riqualificazione energetica che hanno beneficiato degli incentivi fiscali previsti dalla Legge 296/06 ( e successive modifiche) nel 2011 è stato superiore a 1.435 GWh/anno con una conseguente riduzione di CO2 emessa in atmosfera pari a 305 kt/anno.  Le richieste d’intervento  sono state 280.700 per  investimenti complessivi superiori a 3.300 milioni di euro e  il valore complessivo degli importi portati in detrazione  è di oltre 1.800 milioni di euro.  Il  costo medio per intervento  è di 11.780 euro  con un  risparmio medio pari a circa 5 Mwh/anno. Pur con una forte disomogeneità tra le realtà regionali, nell’insieme si può parlare di una certa riduzione  del numero di pratiche rispetto al 2011.
I dati presentati mostrano che in cinque  anni, dal 2007 al 2011,  circa il 5,5% del patrimonio edilizio nazionale ha subito un ciclo di riqualificazione energetica (parziale o globale) e che circa il 5% delle famiglie italiane ha beneficiato della campagna del 55%.
Per consultare integralmente il Rapporto visitate il sito www.efficienzaenergetica.enea.it, mentre per conoscere le detrazioni del 55% relative al 2013 visitate la pagina http://finanziaria2013.enea.it/index.asp.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *