RIFIUTI ELETTRICI: EUROPA PIU’ SEVERA

Nuove regole sulla gestione dei rifiuti di attrezzature elettriche ed elettroniche (Raee). In questi giorni il Parlamento Europeo si è espresso infatti a favore della revisione dell’attuale direttiva in vigore dal 2003.
“Dopo difficili negoziati – ha dichiarato il relatore Karl-Heinz Florenz – sono molto soddisfatto del fatto che siamo riusciti ad accordarci su tassi di raccolta ambiziosi, ma raggiungibili. L’Europa adesso recupererà più materiale grezzo, il che è un’ottima notizia sia per l’economia sia per l’ambiente”
L’aggiornamento appena firmato offrirà ai consumatori la possibilità di restituire piccoli rifiuti elettronici ai rivenditori e ridurre quindi il fardello burocratico per le imprese.
Inoltre tutti gli Stati membri dovranno incrementare la raccolta dei rifiuti di prodotti elettronici. L’obiettivo primario entro il 2016 sarà quello raccogliere 45 tonnellate di rifiuti di prodotti elettronici per ogni 100 tonnellate di beni messi sul mercato.
Una volta che il Consiglio avrà approvato formalmente le nuove regole, e queste saranno pubblicate sulla Gazzetta ufficiale, gli Stati membri avranno 18 mesi per inserire le disposizioni nella legislazione nazionale.
Per leggere tutte le norme complete introdotte potete visitare il sito europa.eu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *