PONY EXPRESS IN BICICLETTA

Squilla il telefono. Significa che è ora di montare in sella, pronti a macinare chilometri per consegnare buste e pacchi. Con il sole o sotto la pioggia. Questa la vita dei corrieri ecologici. Quelli che, caschetto in testa e tracolla in spalla, scelgono di abbandonare il motore e consegnare la posta in sella alle loro biciclette. Un servizio veloce, economico, silenzioso e amico dell’ambiente, nuovo per l’Italia, ma già diffuso nel mondo. A Lugano, ad esempio, da oltre dieci anni è attivo il servizio di corriere espresso in bicicletta “Saetta verde”. Esiste persino un’associazione che raccoglie i pony express europei, “Bicycles messengers Europe”.
In Italia solo dallo scorso anno ci si è mossi in questa direzione, a partire da Milano, città pioniera delle eco-consegne in bicicletta. Qui il servizio è fornito dagli “Urban bike messengers”, corrieri che possono  trasportare pacchi, documenti, corrispondenza, cd, libri, inviti… purché non si tratti di oggetti troppo voluminosi o pesanti, al massimo dieci chilogrammi. L’idea è nata da un gruppo di professionisti e appassionati di ciclismo urbano, decisi a portare anche in Italia quel servizio di pony express in bicicletta che avevano potuto ammirare in città come Londra, Parigi, New York, Sydney e Tokio. “La bicicletta è il mezzo ideale per muoversi nelle ore di punta e nell’area centrale di Milano, dove l’accesso di furgoni e motorini è ostacolato dalla presenza di aree pedonali, a ecopass o a traffico limitato”,  spiegano i corrieri, convinti che non esistano soluzioni più veloci nel traffico e altrettanto rispettose dell’ambiente. A un anno dalla sua attivazione, il servizio gode di grande successo, anche grazie a prezzi che non si allontanano molto da quelli di un corriere più “classico” e che anzi permettono di risparmiare a chi decide di abbonarsi.
Il riscontro è stato talmente positivo da convincere altre città a seguire l’esempio di Milano. A Parma è attivo il nuovo servizio ecologico di consegna “Bicicorriere”, che offre anche la possibilità di risparmiare tempo delegando ai pony express in bici piccole commissioni e spese quotidiane. Un’opportunità utile a tutti, con un occhio di riguardo per le persone malate o con difficoltà motorie.
Da qualche mese i corrieri sono saliti in sella anche per le strade di Roma. Qui ci si può imbattere negli “ecoalfieri” di “E adesso pedala” o nei corrieri del gruppo “VelóCittà”. In quest’ultimo caso non si tratta solo di pony express in bicicletta, ma di un’associazione che si occupa di mobilità alternativa a 360 gradi, offrendo “pubblicità itineranti a emissioni zero, consulenze e organizzazione di eventi. In altre parole: soluzioni a basso impatto ambientale per contribuire concretamente a migliorare la qualità di vita nella capitale”. A Roma gli abbonati possono contare anche su un servizio gratuito di ritiro e smaltimento delle pile esaurite.
Che dire infine della trovata di Piacenza? Qui durante l’estate le biciclette sono state utilizzate per consegnare “pacchi” davvero speciali: pastiglie contro la zanzara tigre, gettate in corsa direttamente nei tombini della città!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *