PICCOLI CITTADINI CRESCONO

A Modena, il 10 di ogni mese un’intera pagina della “Gazzetta” è redatta dagli studenti delle scuole secondarie. Siena ha realizzato nove interventi di riqualificazione urbana proposti dai suoi cittadini più piccoli. A Novara c’è un consiglio comunale dei ragazzi partecipato e ben organizzato. Crotone ha allestito in sette parchi della città tanti nuovi giochi, fruibili anche dai bambini diversamente abili. Sono solo alcuni dei progetti presentati lo scorso 10 novembre a Urbino nell’ambito del convegno “Buone pratiche per l’infanzia e l’ambiente”.
L’appuntamento ha aperto la Settimana Unesco dell’Educazione allo sviluppo sostenibile, dedicata quest’anno a “Città e cittadinanza”, e l’edizione 2009 di Ecosistema Bambino, la campagna di Legambiente rivolta a incentivare le politiche amministrative che coinvolgono i più piccoli nel governo della città. Un’iniziativa che quest’anno ha una veste rinnovata, che non prevede più una classifica delle città virtuose, ma piuttosto una vasta vetrina di buone pratiche, con oltre 1300 progetti presentati a Legambiente, per 44 Comuni coinvolti in attività di partecipazione, sensibilizzazione e informazione dei bambini e dei ragazzi.
Nell’ambito del convegno “Buone pratiche per l’infanzia e l’ambiente”, si è svolta inoltre la premiazione di Torino, Caltanissetta e Livorno, le tre città scelte per rappresentare lo stato delle buone pratiche per l’infanzia in Italia. L’amministrazione torinese è quella che ha messo a sistema nel modo migliore le attività rivolte al mondo dei bambini e dei ragazzi, attraverso un lavoro di coordinamento che coinvolge da anni pubblico e privato. Livorno è stata premiata per il suo Centro infanzia adolescenza e famiglie, che progetta e propone occasioni socio-educative per prevenire le situazioni di difficoltà legate alla vita quotidiana e familiare. Infine, Caltanissetta vanta un rilancio delle sue politiche sociali proprio grazie alla formazione e alla consultazione dei ragazzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *