PHYLLA: LA NUOVA ECO-CITYCAR

Phylla è una piccola concept car elettrica, sostenibile e totalmente riciclabile. Il suo obiettivo? Abbattere l’impatto ambientale della circolazione urbana e promuovere una mobilità sempre più “green”.
Nata grazie ai finanziamenti di Regione Piemonte, Phylla (“foglia” in greco) deve il suo nome alla capacità di convertire la luce solare in energia. Ma questa non è che una delle molteplici potenzialità del veicolo. Ne abbiamo parlato a Mobilis 2009 con Daniela Magnetto del Centro Ricerche Fiat, coordinatore tecnico nello sviluppo del concept. “Phylla è una vettura molto piccola, pensata per una mobilità a zero emissioni – ci ha spiegato Magnetto – Si caratterizza soprattutto per l’impiego combinato di tre diverse fonti di energia. Si tratta infatti principalmente di una vettura elettrica, ma è dotata anche di pannelli solari che consentono a loro volta una certa autonomia. Infine, una piccola unità fuel cell fa in modo che la citycar possa essere alimentata persino a idrogeno”.
Il risultato è una vettura efficiente e sostenibile, che annulla le emissioni di gas inquinanti e di Co2 nelle aree urbane e riduce l’impatto ambientale sia durante la sua esistenza che al termine. Gli ideatori di Phylla hanno infatti optato per soluzioni sperimentali che minimizzano i consumi energetici e per materiali riciclabili e a elevata efficienza strutturale. Per questo la macchina, dotata di quattro posti a sedere, è in grado di raggiungere livelli di costo chilometrico molto inferiori rispetto a una citycar a benzina.
Infine, Phylla è estremamente flessibile, perché dotata di un’architettura che consente di inserire nel tempo soluzioni diverse per migliorarne le performance e persino per personalizzarla, soprattutto all’interno. “Per ora è solo un concept – conclude Magnetto – ma speriamo che Phylla possa presto trovare applicazione nelle nostre città”.

Per vedere la nostra videointervista clicca QUI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *