NO PLASTIC BAG

In provincia di Caserta, un piccolo Comune ha detto no ai sacchetti di plastica.
Si tratta di Caiazzo, una cittadina che ha vietato su tutto il territorio comunale l’utilizzo delle comuni borse in polietilene usate per la spesa, anticipando di un anno l’obbligo previsto dalla legge che entrerà in vigore nel 2011.
“L’ordinanza che ho inteso emanare – ha dichiarato il sindaco Stefano Giaquinto – vuole rappresentare l’impegno costante dell’amministrazione comunale verso l’ambiente e anche verso gli operatori commerciali”. L’obiettivo? Ridurre alla fonte la produzione di rifiuti, anche per migliorare la qualità della raccolta differenziata della frazione organica da tempo attivata sul territorio.
Caiazzo è diventata così leader del progetto “No plastic bag”, che mira a bandire gli shoppers non biodegradabili dai Comuni italiani e a sostituirli con sacchetti compostabili e certificati. L’iniziativa è sponsorozzata da Legambiente, Anci e dalla rete italiana delle Cittaslow, che ha assicurato il massimo impegno per l’adozione dell’ordinanza in tutti i 70 Comuni aderenti al movimento. Per questo le Cittaslow stanno firmando una Carta degli impegni, da seguire per  eliminare i sacchetti di plastica e ridurre così le emissioni di Co2.
Michele Buonuomo, presidente di Legambiente Campania, ha accolto favorevolmente il provvedimento dichiarando che l’iniziativa “rappresenta un passo avanti per l’ambiente soprattutto in una regione tanto provata quale la nostra”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *