MOBILITA’: SE NE PARLA A MOBILITYTECH

Il miglioramento della qualità della vita è strettamente legato alla mobilità sostenibile”. Con queste parole il sindaco di Milano, Letizia Moratti, ha aperto lunedì 18 ottobre la quinta edizione di MobilityTech, il più importante appuntamento in Italia su trasporto, innovazione e ambiente.
Per due giorni il capoluogo lombardo è stato protagonista della riflessione sulla “buona mobilità”, sulle ultime tecnologie legate ai trasporti di persone e merci e sulle iniziative che si stanno portando avanti in Italia per migliorare le condizioni di spostamento dei cittadini e ridurre l’inquinamento.Milano dal canto suo ha cercato di dare il buon esempio: il sindaco Moratti ha infatti aperto l’evento mettendo in luce le iniziative portate avanti dalla sua amministrazione, anche in vista dell’importante appuntamento con Expo2015.
A breve la città vedrà raddoppiate le linee e le stazioni metropolitane, con la messa in servizio delle linee 4 e 5 e l’allungamento delle tre esistenti – ha detto il sindaco – Questi sono impegni molto concreti, visto che tutti gli interventi in programma sono già stati finanziati completamente. Entro il 2010 verrà completato l’allungamento della linea 2 fino ad Assago, inoltre stiamo aumentando la frequenza e il numero di posti passeggeri sulle linee di superficie, abbiamo investito un miliardo di euro per il rinnovo della flotta, e stiamo provvedendo anche ad aumentare il numero di corsie riservate”. Ma sono ancora tanti i progetti in cantiere nel capoluogo meneghino. “Stiamo sperimentando un servizio di trasporto pubblico personalizzato, con corse dal capolinea a casa dopo le 22.00, il bike sharing è in aumento e stiamo lavorando anche sul car sharing, che a oggi conta 100 auto a disposizione dei cittadini. Inoltre, grazie a un accordo con Renault, avremo a disposizione delle auto elettriche, e contiamo che entro il 2010 vengano installate tra Milano e Brescia 200 stazioni di ricarica”.
Sul raddoppio delle linee metro è intervenuto anche Lanfranco Senn, presidente di Metropolitana Milanese: “Passeremo dai 79 km esistenti a quasi 150, con anche un raddoppio delle stazioni. La metropolitana non solo non inquina, ma contribuisce a ridurre sensibilmente l’inquinamento. Riduce infatti dell’11% i veicoli circolanti su strada, e in questo modo contribuisce a ridurre gli incidenti e anche le emissioni inquinanti”. E a livello di tecnologia, quali sono le ultime novità? “Stiamo iniziando a sfruttare l’energia prodotta dalle frenate e dai rallentamenti della metro per poi reimmetterla in rete. La mobilità può essere sostenibile non solo quando si gestiscono i mezzi, ma quando si opera su tutta la filiera. Per questo sono necessari interventi integrati”. MM, che progetta e realizza tutte le linee di metropolitana a Milano, sta inoltre intervenendo per ridurre al minimo i disagi dei cittadini nella fare di raddoppio del servizio: “La fase di costruzione è sicuramente problematica per i cittadini – ha concluso Senn – Stiamo quindi cercando di essere il meno impattanti possibile, a partire dalla fase di progettazione. Per ridurre i disagi stiamo cercando di costruire il più possibile sotto terra, e stiamo utilizzando tecnologie per diminuire le vibrazioni e l’inquinamento acustico”. Per saperne di più potete ascoltare la nostra intervista a Lanfranco Senn QUI.
Da chi progetta a chi gestisce la metropolitana a Milano: ATM. L’Ingegner Giampaolo Codeluppi ha sottolineato l’importanza del ruolo delle Aziende di Trasporto, che “devono diventare fornitori di servizi di mobilità che non siano solo quelli tradizionali. E’ necessario fornire strumenti semplici che fluidifichino l’accesso a tutti i mezzi”. Un esempio? La bigliettazione elettronica, che Codeluppi spiega in questa breve intervista. ATM, inoltre, sta investendo sulle fonti di energia rinnovabile: “Due terzi dei servizi che forniamo oggi sono elettrici, e parte del fabbisogno della linea 1 è coperto da un impianto fotovoltaico posto sul tetto di un nostro deposito”.
La due giorni di Mobilitytech ha offerto un quadro completo delle iniziative in cantiere per quanto riguarda la mobilità sostenibile in tutta Italia e in Europa. Ma ha permesso anche di riflettere sulla situazione attuale, lanciando provocazioni su quello che è possibile fare concretamente, da subito. Enrico Vassallo, Presidente del Gruppo Autobus ANFIA, ha infatti sottolineato l’importanza di lavorare sul presente. “Noi guardiamo allo scenario futuro, ma non ci rendiamo conto che abbiamo in mano una vera e propria bomba ecologica, che va disinnescata oggi. Il 60% dei bus del trasporto pubblico sono ancora Euro 0, 1 o 2. Basta pensare che un autobus Euro 0 inquina quanto 100 autobus di nuova generazione per capire che è necessario investire nel rinnovo delle flotte. Il passaggio da Euro 0 a Euro 5, infatti, porta a una riduzione delle emissioni pari al 95%. Quindi, non basta pensare solo al futuro, ma dobbiamo prima di tutto eliminare quello che inquina oggi. E possiamo farlo con investimenti che sono sicuramente ingenti, ma che possono e devono essere affrontati”.
Tutti gli atti dell’evento sono disponibili sul sito di Mobilitytech. Continuate a seguirci per leggere gli approfondimenti di Urbano Creativo. Appuntamento alla prossima settimana con tante nuove notizie dal mondo della mobilità sostenibile.

 

MILAN: STATE OF PLAY ON SUSTAINABLE MOBILITY

“Improving the quality of life is closely linked to sustainable mobility.” With these words the mayor of Milan, Letizia Moratti, opened Monday, October 18th, the fifth edition of MobilityTech, the most important event in Italy on transport, environment and innovation. For two days the capital of Lombardy was the protagonist of reflection on the “good mobility”, on the latest technologies related to transport of persons and goods and the initiatives that are being carried out in Italy to improve mobility of people and reduce pollution. Milan gave a good example: the Mayor Moratti has opened the event by highlighting the initiatives put forward by his administration, also in view of the important meeting with Expo2015.
Soon the city will see double lines and underground stations, with the commissioning of lines 4 and 5 and the lengthening of the existing three – the mayor said – These are very concrete commitments: all the planned measures are already been fully funded. By 2010 we will complete the extension of Line 2 to Assago; we are also increasing the frequency and the number of passenger seats on the surface lines, we have invested a billion euro for the renewal of the fleet, and we are also providing for increasing the number of lanes”.
But there are still many projects in the pipeline in Milan. “
We are experiencing a customized public transportation service, with runs from the terminus at home after 22.00, the bike-sharing is increasing and we are working on car sharing, which now has 100 cars available to the public. Moreover, thanks to an agreement with Renault, we will have electric cars, and we hope by 2010 to be installed between Milan and Brescia 200 charging stations”.
Also Lanfranco Senn, president of Metropolitana Milanese Spa, spoke about the doubling of the metro lines: “
We will go from the existing 79 km to nearly 150, with a doubling of the stations. The Metro not only does not pollute, but it helps to significantly reduce pollution. Reduces by 11% the road vehicles, and thus help reduce accidents and also the emission of pollutants”. And in terms of technology, what are the latest news? “We’re starting to exploit the energy produced by braking and slowing down the meter and then re-enter the network. Mobility may not be sustainable only when dealing with the media, but when you operate on the whole chain. This requires integrated interventions”. MM, which designs and manufactures all subway lines in Milan, is also taking action to minimize the inconvenience to citizens in the doubling of the service: “The construction phase is definitely difficult for citizens – said Senn – We are therefore trying to be the least impact possible, starting from the design phase. To reduce the inconvenience we are trying to build as much as possible under the earth, and we’re using technology to reduce vibration and noise”. To learn more, you can listen to our interview with Lanfranco Senn HERE.
From the projects to who operates the metro in Milan: ATM. The engineer Giampaolo Codeluppi has emphasized the importance of the role of transport companies, which “
should become providers of mobility services that are not only the traditional ones. We need to provide simple tools that make easy the access to all transports”. An example? The electronic ticketing, that Codeluppi explains in this short interview.
ATM is also investing in renewable energy sources: “
Two-thirds of the services we provide today are electric, and part of the supply line 1 is covered by a photovoltaic system on the roof of our store”.
Mobilitytech has offered a comprehensive overview of initiatives underway with regard to sustainable mobility in Italy and Europe. But it has also enabled to reflect on the current situation, launching provocations on what you can practically do, now. Enrico Vassallo, Chairman of Gruppo Autobus ANFIA, underlined the importance of working on this. “
We look to the future scenario, but we do not realize that we have in hand a true ecological bomb, which must be defused today. 60% of public transport buses are still Euro 0, 1 or 2. Just think that a Euro 0 bus pollutes as much as 100 next generation buses to understand that we need to invest in fleet renewal. The transition from Euro 0 to Euro 5, in fact, leads to a reduction in emissions of 95%. So we do not ha to just think only to the future, but we must first eliminate what pollutes today. And we can do it with investments which are certainly substantial, but that can and should be addressed”. All acts of the event are available on the site of Mobilitytech. Stay tuned for more in-depth analysis at www.urbanocreativo.it. Appointment next week with lots of news from the world of sustainable mobility.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *