MOBILITÀ 2.0

Come ci muoviamo in città? Quali sono le novità previste per i prossimi anni? Se ne è parlato a “Mobilis 2009”, la due giorni di incontri sul trasporto urbano che si è tenuta il 17 e il 18 novembre a Montbéliard, in Francia. Urbano Creativo c’era, seduto al tavolo di confronto con altri professionisti, enti di ricerca e università. Perché la conferenza francese non era un semplice appuntamento di presentazione di progetti nuovi, ma un’occasione per discutere in modo ampio di innovazione, a breve e a lungo termine, nell’ambito della mobilità urbana. Secondo l’interessante approccio delle tavole rotonde.
Dal dibattito è emersa anzitutto un’attenzione diffusa per i sistemi di trasporto intelligenti, quelli in grado di mettere in relazione le case automobilistiche, le agenzie di mobilità e le tecnologie dell’informazione e della comunicazione. Si pensa sempre più a sistemi di interconnessione tra due o più veicoli, tra veicolo e infrastrutture di trasporto, o ancora tra veicolo e telefonia mobile (i cosiddetti cooperative road transport systems). L’obiettivo? Migliorare la sicurezza stradale, ridurre la congestione del traffico, i tempi di viaggio e il consumo di carburante. Ne è un esempio “City Runners”, il progetto sviluppato da Urbano Creativo che prevede la gestione integrata di tutti gli strumenti della mobilità, associata a un sistema di infotraffico e informazioni cittadine e turistiche 24 ore su 24 pianificato su diversi canali e livelli, dalla microinformazione attraverso palmare al network di totem interattivi. In questo modo la strada si trasforma in un vero e proprio social network all’aria aperta.
Un secondo settore di sviluppo molto interessante è senza dubbio quello della mobilità elettrica. La compagnia francese Fam automobiles, ad esempio, era a “Mobilis” con F-City, il primo veicolo elettrico totalmente omologato, pensato per essere utilizzato nei centri storici delle città. I giovani del Centro ricerche Fiat hanno invece presentato Phylla, una simpatica citycar “eco” nata grazie ai finanziamenti di Regione Piemonte. La macchinina bianca e verde è alimentata con una combinazione di solare, elettrico e idrogeno, è dotata di quattro posti a sedere, ed è totalmente riciclabile.
Per saperne di più continuate a seguirci! Presto online le nostre video-interviste e altri interessanti approfondimenti.

di Alice Paiosa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *