LA SETTIMANA DELLE COMUNITÀ SOSTENIBILI

Favorire azioni democratiche e promuovere la partecipazione civica. Questi gli scopi dell’European Local Democracy Week, la Settimana della Democrazia Locale che ruota intorno al 15 ottobre in memoria dell’apertura alle firme della Carta europea delle autonomie locali il 15 ottobre del 1985.
Si tratta di un’iniziativa del Consiglio d’Europa che chiede alle autorità degli Stati membri di organizzare appuntamenti sul territorio su un tema particolare. Quest’anno Comuni, Province, Unioni e Comunità montane potranno sbizzarrirsi nell’affrontare l’argomento “Il ruolo delle comunità sostenibili nella lotta al cambiamento climatico”. Cinque gli ambiti di riflessione proposti: mobilità sostenibile, riduzione e riciclaggio dei rifiuti, energie rinnovabili, risparmio di energia e acqua, viver sano e preservare la biodiversità. Inoltre tutte le città che desiderano dare un rilievo particolare alla loro partecipazione alla Settimana europea e contribuire così a realizzarne gli obiettivi possono candidarsi alla qualifica di “12 Stars City”. Questo “status” vuole mettere in risalto il particolare impegno con il quale una città si adopererà nel sensibilizzare i cittadini alle possibilità offerte dalla democrazia partecipativa e al ruolo degli Enti locali e dei cittadini nella sfida posta dai cambiamenti climatici.
A oggi hanno aderito alla Settimana circa 50 città d’Europa. Tra queste le candidate per la qualifica di “Città a 12 stelle” sono: Aix-en-Provence, Parigi e Strasburgo per la Francia; Candelaria per la Spagna; Ierapetra per la Grecia; Comune e Regione di Bruxelles per il Belgio; Comune metropolitano di Antalya per la Turchia; Unione di Comuni “Terre di Po e Colline del Monferrato” e Mola di Bari per l’Italia.
I Comuni piemontesi dell’Unione “Terre di Po e Colline del Monferrato” guidati dal capofila Occimiano hanno convocato un Consiglio comunale unico e aperto a tutti per discutere i programmi ambientali, e organizzato in settimana riunioni con la società che gestisce i rifiuti, la presentazione del Centro per la Biodiversità di Casale Monferrato, visite guidate agli impianti di energia rinnovabile, un incontro con il Consiglio comunale dei bambini e dei giovani di Occimiano e l’istituzione di quello di Mirabello. Mola di Bari invece presenterà un opuscolo in carta riciclata con le regole per la raccolta dei rifiuti, metterà a disposizione biciclette per scoprire le risorse del territorio lungo le piste ciclabili della città, organizzerà una conferenza-dibattito dedicata al mare e alle sue risorse. Per promuovere la cooperazione europea e raggiungere gli obiettivi e le sfide relative al cambiamento climatico e allo sviluppo sostenibile inoltre la cittadina pugliese ha invitato i rappresentanti di Pedrajas de San Esteban (Spagna) e Saint Nollf (Francia), due città con le quali aveva avviato un progetto europeo sul tema del cambiamento climatico, per condividere buone pratiche nel campo dei sistemi di raccolta dei rifiuti, della protezione del territorio e della conservazione delle acque, della flora e della fauna. E ancora, dal 5 ottobre fino alla fine della Settimana europea in sei differenti aree della città si terranno incontri di quartiere organizzati con la tecnica dell’Ost (Open Space Technology).

THE WEEK OF SUSTAINABLE COMMUNITIES
Fostering democratic actions and promote civic participation. These are the goals of the European Local Democracy Week, which revolves around October 15 in memory of the opening for signature of the European Charter of Local Self-Government
in October 15, 1985.
It’s an initiative of the Council of Europe, that ask to the authorities of the Member States to organize events on the territory on a particular topic. This year Municipalities, Provinces, Mountain communities and Unions have to deal with the topic “The impact of sustainable communities in fighting climate change” on five areas of discussion: sustainable mobility, waste reduction and recycling, renewable energy, saving energy and water, healthy living and preserve biodiversity. In addition, all cities wishing to give special importance to their participation in the European Week and thereby contribute to meet its objectives can apply to the classification of “12 Stars City”. This status is intended to highlight the commitment with which a municipality raises its citizens’ awareness of local democracy, the role of local councillors and citizens in the challenge posed by climate change, and the opportunities provided by participatory democracy.Nowadays about 50 cities in Europe have been accredited at the Week. Among these we can find the candidates for the title of “12 Stars City”: Aix-en-Provence, Paris and Strasbourg, France; Candelaria, Spain, Ierapetra, Greece; the Municipality and the Region of Brussels, Belgium;, Metropolitan Municipality of Antalya, Turkey; Union of Municipalities “Terre di Po e Colline del Monferrato” and Mola di Bari in Italy.
The Union “Terre di Po e Colline del Monferrato” led by the leader Occimiano has called a single City Council open to everyone to discuss its environmental programs, it has organized meetings with the company that manages the waste collection, the opening of the new Centre for Biodiversity in Casale Monferrato, guided tours of the renewable energy installations, a meeting with the City Council of the children and young people of Occimiano and the establishment of a new one in Mirabello. Mola di Bari instead will present a brochure in recycled paper with the rules for waste collection, it will provide bicycles to explore the resources of the area along the bike paths in the city, it will organize a conference-debate dedicated to the sea and its resources. To promote European cooperation and to achieve the goals and challenges related to climate change and sustainable development in the town it has also invited representatives of Pedrajas de San Esteban (Spain) and Saint Nollf (France), two cities with which Mola di Bari developed a European project on climate change, to share good practice in waste disposal systems, land protection and conservation of water, flora and fauna. And yet, from October 5 until the end of the European Week in six different areas of the city neighborhood meetings will be held with the Ost (Open Space Technology) method.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *