LA CITTÀ A MISURA DI CICLISTA

Arriva dalla Svezia un bell’esempio di pianificazione urbana sostenibile. Un progetto che punta anzitutto a favorire gli spostamenti urbani su due ruote. La città di cui stiamo parlando è Jönköping, 85 mila abitanti circa, e il progetto che la riguarda prende il nome di “Jönköping by Bike”.
L’idea nasce dalla collaborazione tra i giovani architetti svedesi dello studio “We are” di Gothenburg e “Super sustainable”, un gruppo di esperti sui temi dello sviluppo sostenibile provenienti da tutto il mondo. Il team ha proposto alla Municipalità di Jönköping una strategia innovativa per rispondere alle tre tematiche fissate per lo sviluppo e la crescita della città: trasporto pubblico, vicinanza ai posti di lavoro, espansione diffusa. Secondo le linee guida comunali infatti entro il 2050 Jönköping sarà collegata alle principali città d’Europa, diventerà una delle principali stazioni ferroviarie lungo la nuova linea ad alta velocità “Götalandsbanan”, godrà di treni che viaggeranno a 300 km/h creando la possibilità di usufruire senza problemi del pendolarismo verso grandi poli come Stoccolma, Göteborg e Copenaghen. La prima strategia ideata dal Comune però ipotizzava 5.000 nuove abitazioni intorno al quartiere Munksjön, nel centro città, con una densità molto bassa: 22 edifici per ettaro. Altre due ipotesi invece includevano 10.000 nuove abitazioni nella stesa area, per una densità di 45 edifici per ettaro.
La città a misura di ciclista di “We are” e “Super sustainable” si può considerare una quarta strategia. Questa unisce gli obiettivi del Comune, una maggiore possibilità di espansione futura (con 15.000 nuove abitazioni) e una grande attenzione alla sostenibilità, soprattutto nei trasporti. Piuttosto che puntare su strategie che estendano la città verso la periferia infatti la quarta strategia si basa su un nuovo principio guida: densificare la città il più vicino possibile al centro già esistente, più precisamente nell’area a sud di Munksjön (“il lago della città”), per una densità di 68/70 edifici per ettaro. I punti chiave di questa pianificazione urbana sostenibile prevedono inoltre quartieri di piccole dimensioni ognuno con la sua identità, strade principali con caratteristiche differenti per variare le esperienze spaziali, abitazioni alternate a uffici in modo che le persone vadano a vivere il più vicino possibile al loro posto di lavoro, tram e piste ciclabili che collegano tutti i punti della città, facciate verdi. Ma soprattutto tutti i punti del centro saranno raggiungibili in bicicletta in un tempo massimo di dieci minuti per quelli più lontani tra loro.
“Tutti gli abitanti si sposteranno in bicicletta – si legge nella proposta di progetto – Le bici saranno gratis, a disposizione di tutti 24 ore su 24, con punti per riparare o gonfiare le gomme lungo il percorso, e la predisposizione di tettoie coperte da pannelli solari sulle piste ciclabili per proteggere dalla pioggia e dalle intemperie i ciclisti anche d’inverno”.
Guarda la presentazione del progetto: www.weareyou.se/projekt/JKPG/html/jkpg1.html.

THE CITY FOR CYCLISTS
A fine example of sustainable urban planning comes from Sweden. A project that aims primarily to encourage mobility on two wheels. The city we’re talking about is Jönköping, 85,000 inhabitants, and the project is called “Jönköping by Bike”.
The idea was born from the collaboration between the young architects of the Swedish study “We Are” in Gothenburg (Oslo) and “Super Sustainable”, a group of experts on sustainable development from around the world. The team has proposed to the Municipality of Jönköping an innovative strategy to address the three issues set for the development and growth of the city: public transport, proximity to jobs, expanding common. According to these three local guidelines in fact
by 2050 Jönköping will be linked to major cities of Europe, it will become one of the major railway stations along the new high speed line “Götalandsbanan”, it will enjoy trains traveling at 300 km/hour, creating the possibility to enjoy trouble-free commuting to large centers such as Stockholm, Gothenburg and Copenhagen. The first strategy devised by the municipality assumed 5,000 new homes around the neighborhood Munksjön in the city center, with a very low density: 22 buildings per hectare. The other two hypotheses instead included 10,000 new homes in the same area, with a density of 45 buildings per hectare.
The city for cyclists from “We Are” and “Super Sustainable can be considered a ‘fourth strategy’. This project combines the objectives of the City, a greater possibility of future expansion (with 15,000 new homes) and a strong focus on sustainability, particularly in transport. Rather than focus on strategies that would enhance the city to the suburbs the fourth strategy is based on a new guiding principle: densify the city center as close as possible to the existing, more precisely in the area in the south of Munksjön (the ‘lake’ of the City), with a density of
68/70 buildings per hectare. The key points of this sustainable urban planning are: small districts, each of them with their own identity, major roads with different characteristics for varying spatial experiences, alternating houses and offices so that people caould live as close as possible to their place work, tram and bicycle paths that connect all parts of the city, green facades. And all the points of the center will be reached by bike in a maximum time of ten minutes to the most distant from each other.
“All the people will go on bicycles – says the project proposal – Bikes will be free and available to all 24 hours on 24, with points to repair or inflate the tires along the way, and the provision of roofs covered with
solar panels along cycle lanes to protect cyclists from rain and bad weather, even in winter”.
Look at the presentation of the project: www.weareyou.se/projekt/JKPG/html/jkpg1.html.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *