IL TALENTO DELLE IDEE

“Questa iniziativa rappresenta la volontà di premiare chi ha il coraggio di fare l’imprenditore e ha una buona idea”. Monica Cellerino, responsabile di territorio Lombardia per UniCredit, ha definito con queste parole il progetto Unicredit “Il talento delle idee” che ieri a Como ha premiato dieci progetti imprenditoriali e innovativi ritenuti i migliori della Lombardia.
Il progetto di Unicredit nasce, come ha spiegato Alessandro La Porta, Responsabile Territorial Relations UniCredit “con l’obiettivo di sostenere il potenziale imprenditoriale innovativo da parte di giovani, accompagnandoli poi nella presentazione della propria azienda verso il mercato”. Quello della ricerca dei giovani talenti e della scelta dei migliori progetti da premiare è stato un lavoro lungo molti mesi, condotto in partnership con un network di attori tra cui il Gruppo Giovani di Confindustria. Continua La Porta: “In questa occasione sono premiate le migliori idee lombarde, mentre il percorso nazionale si concluderà a Capri nell’autunno di quest’anno e vedrà come vincitore il migliore fra le sette proposte regionali selezionate. Da tutta Italia sono giunte 436 proposte, di cui 59 sono lombarde. Pensando al fatto che nella precedente edizione i progetti presentati erano 277, questo dato dimostra che il tasso di innovazione cresce. Il mondo dell’ICT prevale con il 42%, ma percentuali discrete sono anche legate al settore energetico, al bio-medicale, al design e all’edilizia e ai materiali”. Hanno partecipato alla competizione di idee moltissimi giovani: “il 49% ha  meno di 30 anni, il 30% tra i 30 e i 35 anni. Si registra un peggioramento per quanto riguarda il genere: rispetto all’anno scorso c’è stata una diminuzione della partecipazione di donne, con una percentuale del 23%”.
Ma cosa offre Unicredit ai giovani talenti? “Oltre ad un premio in denaro si garantisce un percorso di formazione tarato sui bisogni dei singoli team e che vedrà la partecipazione non solo di unità interne ad UniCredit ma anche di molti partner esterni”. Insomma una tutorship per preparare al meglio i giovani e le loro idee per affermarsi nel mondo dell’imprenditoria.
L’idea imprenditoriale vincitrice del primo premio si chiama Sanispira. Si tratta di un dispositivo endonasale usa e getta studiato per trattenere le polveri sottili, pollini ed altri allergeni. Ideato dall’ingegnere meccanico Gianpietro Rizzini ed il suo team, è già in vendita presso farmacie ed erboristerie commercializzato attraverso HSD Europe. Al secondo posto FreeAirbaby. Sviluppato dalla start-up ZEST srl, il progetto è rivolto alla realizzazione di un dispositivo da applicare a passeggini e carrozzine e che permette di purificare l’aria intorno al bambino abbattendo le sostanze inquinanti derivanti dalla combustione e le polveri sottili. La terza idea vincente è quella di Haptyc. Il team, che lavora nel settore ICT, ha sviluppato una tecnologia proprietaria capace di trasformare qualsiasi schermo touch tradizionale in uno multi-touch.
Altre sette idee imprenditoriali hanno ottenuto una menzione speciale. Queste aziende, che hanno superato la selezione locale, si aggiudicano l’accesso ai finanziamenti dedicati e a percorsi di tutoraggio.

Di Stefania Mancuso  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *