IL PORTALE DEI PARCHI ITALIANI

Più dell’11% del territorio italiano è area protetta. Eppure, questo immenso patrimonio è per lo più sconosciuto. Per questo nel 1995 Federparchi, la Federazione italiana parchi e riserve naturali, ha allestito il sito Parks.it.
Ce ne parla Massimo Piraccini, responsabile tecnico della redazione del portale.

Come nasce Parks.it?
Si tratta di un progetto di edizione online voluto da Federparchi e curato da ComunicAzione, azienda che si occupa della pubblicazione in rete dei contenuti di Parks.it e ne cura la traduzione in lingua, quando necessario.

Chi è coinvolto nel progetto?
Alla realizzazione di Parks.it concorrono circa 200 autori, che decidono i contenuti iniziali e i rispettivi aggiornamenti. In primo luogo ci sono Federparchi e gli Enti gestori, ma anche gli Assessorati regionali competenti e lo stesso Ministero dell’Ambiente. In questo modo ognuna delle migliaia di pagine che costituiscono il portale è strutturata in maniera omogenea, cosa che facilita al massimo la navigabilità del sito, ma al tempo stesso ha un suo specifico autore, unico responsabile dell’inserimento e dell’aggiornamento della stessa, links compresi.

Perché creare un portale unico per i parchi italiani?
Tutti gli Enti Parco sono Enti pubblici che hanno istituzionalmente gli stessi due obiettivi: tutelare la natura e sostenere uno sviluppo compatibile. Una griglia informativa comune ma con contenuti personalizzati aiuta il lettore a orientarsi in una mole di informazioni davvero vasta, oltre a contenere i costi tecnici di gestione dei singoli moduli informativi. Tali spese peraltro si compensano sfruttando strumenti operativi attivati online negli ultimi anni, quali banner ed e-commerce.

Quali sono gli obiettivi che vi proponete?
L’obiettivo primario è quello di migliorare, in un’ottica nazionale, la diffusione online delle informazioni sui parchi italiani e sulle loro iniziative. Per questo il portale è strutturato per moduli informativi: “mini-siti” internet dei rispettivi autori, se gli stessi non ne hanno attivato ancora uno, oppure pagine di raccordo verso i siti ufficiali. In questo modo si riesce a canalizzare un numero notevole di lettori verso i siti controllati dai singoli Enti.

Qual è stata finora la risposta degli utenti?
Nel 2008 Parks.it ha ricevuto la visita di oltre 10 milioni di lettori, a cui sono state diffuse più di 50 milioni di pagine web. Il portale sta inoltre mantenendo stabilmente il primo posto tematico su Google e un’ottima visibilità internazionale: Parks.it è ai primi posti tra i siti in lingua inglese su “Italy – Travel e Tourism” nella classifica di Alexa.com, che monitorizza la popolarità dei siti di tutto il mondo e, più recentemente, anche tra quelli in lingua tedesca.

www.parks.it

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *