E’ ITALIANO IL NUOVO NOBEL PER L’AMBIENTE

Rossano Ercolini, presidente di Zero Waste Europe ha ricevuto ieri a San Francisco il Goldman Enrivonmental Prize 2013.
Promotore del movimento “Rifiuti zero”, ha ricevuto il prestigioso Goldman Environmental Prize 2013, conosciuto anche come il Nobel alternativo per l’Ambiente.  Il premio ambientale Goldman, giunto alla sua 24esima edizione, viene assegnato annualmente a persone che si sono contraddistinte per il loro impegno ambientale, provenienti da tutti i continenti.
Ercolini è stato premiato grazie al suo impegno contro gli inceneritori e in quanto sostenitore di una visione che intende il rifiuto ancora come qualcosa di utile e di riutilizzabile.
La Strategia Rifiuti Zero, di cui vi avevamo già parlato in un nostro precedente articolo dedicato all’esempio virtuoso del comune di Capannori, punta infatti a dare un valore e un’utilità agli oggetti che hanno esaurito la fase del consumo.
Secondo questa visione non esisteranno più i rifiuti e i conseguenti problemi legati alla loro gestione e smaltimento, in poche parole: Zero rifiuti = Zero problemi.
Ma quali sono le azioni da compiere? Certamente è necessaria una revisione totale del sistema produttivo. L’obiettivo da raggiungere è rendere più efficiente tutta la filiera della gestione dei rifiuti attraverso strategie e responsabilità: dell‘industria a monte, della comunità e valle e della leadership politica.
Una grande sfida che non possiamo perdere.  

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *