DOVE BUTTO IL VECCHIO CELLULARE?

La moda non è più solo questione di scarpe e vestiti. Oggi anche i cellulari seguono le tendenze e vengono sostituiti sempre più rapidamente, tanto che un europeo su quattro cambia almeno un telefonino all’anno.
Ma che fine fanno i vecchi cellulari? In Europa ogni anno vengono venduti oltre 100 milioni di telefonini, ma solo 2,5 milioni vengono riciclati. Gli altri sono gettati via senza curarsi troppo dei danni all’ambiente, oppure restano inutilizzati nei cassetti di casa.
Le cose però stanno cambiando. Lo scorso settembre l’azienda americana EcoAtm ha installato la prima Automated eCycling Station, una macchina per il riciclaggio di vecchi dispositivi elettronici portatili. Si tratta di una sorta di grosso bancomat in cui introdurre il vecchio cellulare, ma anche lettori Mp3 e fotocamere digitali. L’apparecchio usato non solo viene riciclato in modo rispettoso per l’ambiente, ma viene anche valutato dai sensori della macchina, che rilascia all’utente un buono acquisto o la possibilità di donare il valore del telefonino per cause ambientali.
E in Italia? Qui dalla scorsa estate è attivo un progetto che, attraverso la donazione di un telefono cellulare usato, contribuisce alla salvaguardia dell’ambiente e alla costruzione di una nuova struttura di accoglienza per donne con bambini in difficoltà. Si tratta di Donaphone, una campagna già attiva nelle provincie di Como e Cremona. I cittadini possono donare il proprio cellulare depositandolo all’interno degli appositi contenitori; una cooperativa sociale del territorio provvede poi al ritiro dei telefonini e li consegna a una società specializzata, che testa, ripara e commercializza i cellulari usati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *