“CORRENTE”: IL MONDO ITALIANO DELL’ENERGIA

È online Corrente.gse.it, il primo portale che promuove il “made in Italy” delle rinnovabili. Una vetrina virtuale aperta a tutte le imprese italiane operanti nel settore che vogliono conquistare i mercati internazionali.
L’obiettivo infatti è quello di avviare una rete virtuale ad adesione volontaria per promuovere le attività degli operatori presenti in Italia, agevolando i contatti tra gli aderenti e con le Istituzioni e favorendo la competitività tecnologica e commerciale del settore nel mercato mondiale.
L’iniziativa è stata inaugurata a Milano dal Gestore dei servizi energetici (Gse) e dal ministero dello Sviluppo economico nell’ambito della rassegna culturale “Estate al Sole 2010 – Esperienze mondiali”. “Con investimenti adeguati e con uno sfruttamento medio delle opportunità nel comparto delle fonti rinnovabili l’Italia potrebbe essere un paese leader dal punto di vista tecnologico, esportando alcuni dei sistemi di produzione del settore delle rinnovabili – ha dichiarato il presidente del Gse Emilio Cremona – Corrente vuole aiutare il comparto perché il Paese possa assumere un ruolo di primo piano in un settore importante in notevole espansione, con ritorni di assoluto rilievo per fatturato e occupazione”.
Per questo a tutti gli aderenti viene messa a disposizione la piattaforma dinamica http://corrente.gse.it, che offre diverse funzionalità, tra cui la ricerca di prodotti e servizi, la pubblicazione di news ed eventi di interesse e la divulgazione di studi di settore. Lo staff di Corrente organizza inoltre convegni, seminari ed eventi di comunicazione.
“Lo sforzo che compiono il Governo, le imprese e i cittadini per sostenere le fonti di
energia pulita deve essere premiato con la nascita di una robusta filiera industriale italiana delle rinnovabili
 – commenta Stefano Saglia, sottosegretario al ministero dello Sviluppo economico con delega all’energia – Per questo il portale del Gse è un primo passo nella giusta direzione”.
Il progetto guarda infine al 2020, data entro la quale l’Italia conta di coprire con le fonti energetiche rinnovabili il 17% dei consumi energetici nazionali, in linea con gli obiettivi europei. “Il Piano di azione nazionale elaborato dal ministero dello Sviluppo economico prevede di rimuovere o attenuare alcune barriere, in particolare quelle dei procedimenti autorizzativi spesso differenti da Regione a Regione, che di certo non favoriscono la diffusione delle fonti energetiche rinnovabili – ricorda il ministro per le Politiche europee Andrea Ronchi – L’obiettivo è quello di consentire le più semplificate procedure di comunicazione e dichiarazione di inizio attività. Tutto ciò potrà permettere lo sviluppo di questo settore e la nascita una filiera virtuosa di imprese”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *