CAR SHARING PER LO SVILUPPO

Il car-sharing, la modalità di autonoleggio con self-drive e self-service diffusasi negli ultimi anni, sta prendendo piede anche nei paesi in via di sviluppo.
Le città si stanno rendendo conto delle grandi potenzialità offerte da questo servizio e il numero di sistemi di car-sharing disponibili nei paesi in via di sviluppo è in crescita. Uno dei primi ad adottare questa pratica è stato il Brasile con ZazCar, seguito dal Messico dove il car-sharing si sta dimostrando una valida alternativa al trasporto pubblico.
A seguire altri sistemi in funzione oltre al Centro e Sud America, sono anche in Turchia, Cina e India che stanno aprendosi sempre più a questo tipo di mobilità alternativa.
Il car sharing si differenzia dagli altri servizi di auto noleggio tradizionali perchè permette agli utenti di usufruire di un veicolo non di proprietà, quindi senza spese di manutenzione, che può essere preso e restituito presso una delle postazioni sparse in città attraverso un sistema di check-in e check-out che richiede di pagare il tempo per cui si è effettivamente utilizzata l’automobile.
Si differenzia anche dai taxi e dal carpooling perché è l’utente a servirsi autonomamente del mezzo e non è previsto alcun accordo con altri viaggiatori, tra cui il proprietario come nel secondo caso. In questo modo si è totalmente liberi di organizzare il proprio viaggio quando e come meglio si vuole.

Foto in copertina: Charing Stations in SF ©Felix Kramer
Dal sito Wikimedia Commons

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *