CAR SHARING ELETTRICO A PARIGI E MILANO

Prima le biciclette, ora le auto elettriche. Parigi lancerà nel 2011 il nuovo servizio di car sharing cittadino. Il progetto Autolib’ partirà con una fornitura di tre mila veicoli elettrici a quattro ruote, e sarà organizzato sulla falsa riga del Velib’, il sistema di biciclette pubbliche che ha invaso la città, e che oggi viene utilizzato da quasi 200 mila parigini. Una soluzione ecologica e creativa, messa a disposizione dei cittadini della capitale francese dall’azienda Belloré, che si è aggiudicata la fornitura dei mezzi battendo il consorzio vis-Ratp e Véolia.
Il funzionamento del sistema è semplice: chi lo desidera potrà recarsi in una stazione a Parigi o dintorni, scegliere la vettura, staccare la spina d’alimentazione dall’apposita colonnina e partire! Autolib’ consente inoltre di consegnare l’auto in una stazione diversa da quella da cui è stata prelevata, e anche di prenotare un parcheggio nella stazione di arrivo. L’abbonamento mensile al servizio costerà 12 euro, a cui si aggiungono 5 euro per la prima mezz’ora di affitto.
L’auto che verrà messa a disposizione è stata prodotta da Bolloré su modello della Bluecar progettata con Pininfarina. Avrà 150 km di autonomia e un tempo di ricarica di 4 ore.
Per ulteriori informazioni sul servizio è possibile consultare il sito internet www.autolib.fr/autolib/.
A Milano, invece, ha preso il via “e-vai” il nuovo servizio di car-sharing elettrico abbinato al servizio ferroviario lombardo realizzato da Trenitalia – LeNORD. Il progetto è in funzione presso la stazione di Milano Cadorna, ma da gennaio sarà esteso alle stazioni di Varese Nord e Como Borghi.
A Milano Cadorna sono oggi disponibili 20 vetture elettriche (Fiat 500, Panda e Teener) e sono attive 5 colonnine per la ricarica. Grazie a un accordo stipulato con A2A, inoltre, nelle prossime settimane le auto “e-vai” potranno essere ricaricate anche dalle colonnine della società presenti in città. La prima ora di noleggio costa 5 euro, 8 euro per due ore e 10 euro per tre. Entro il 2013 in Lombardia dovrebbero essere attive 40 postazioni di car sharing, nelle stazioni ma anche in ospedali e uffici pubblici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *