CAMMINA CAMMINA… E PRODUCI ENERGIA

La pioggia non dà tregua? Fate buon viso a cattivo gioco e correte in Inghilterra a provare i Power Wellies: stivali di gomma che si trasformano in caricatori di cellulari. Un modo originale per avere piedi asciutti ed energia pulita.
Il gadget è il frutto della collaborazione tra l’azienda telefonica Orange e gli esperti di energia rinnovabile GotWind, pronti a testare con il grande pubblico il prototipo durante il Festival di Glastonbury, in programma dal 23 al 27 giugno. Qui gli spettatori potranno provare a indossare gli “Stivali energetici” e restare così collegati ad amici e parenti per tutto il weekend. Camminando con i Power Wellies per dodici ore si ottiene infatti energia sufficiente a caricare per un’ora il telefonino. E per allungare la durata della ricarica basta aumentare il calore. Come? Saltando o ballando ad esempio! Più i piedi sono caldi più energia si produce.
Ma come funzionano i Power Wellies? Gli stivali sono in grado di convertire la temperatura corporea, in particolare il calore proveniente dai piedi, in corrente elettrica sfruttando l’effetto Seebeck: un fenomeno termoelettrico per cui, in un circuito costituito da conduttori o semiconduttori metallici (uniti fra loro a formare termocoppie multiple), una differenza di temperatura genera elettricità. Le termocoppie sono collegate elettricamente a costituire una termopila e inserite tra due fette sottili di ceramica. Il calore del piede viene applicato sul lato superiore, mentre sul lato opposto si riversa il freddo del terreno, e si genera così energia.
I Power Wellies non sono che l’ultima innovazione di Orange, che da anni sperimenta al Festival di Glastonbury alternative sostenibili ed eco-friendly per ricaricare il telefono mobile. Tra i progetti precedenti ricordiamo: Recharge Pod, un punto di ricarica alimentato da vento e sole; Dance Charger, una fascia da mettere al braccio per raccogliere l’energia cinetica generata dal ballo; Power Pump, una semplice pompa a piede per produrre elettricità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *