BIG JUMP: UN TUFFO NELLE ACQUE D’EUROPA

Un tuffo collettivo che unirà migliaia di persone in tutta Europa. Un gesto simbolico a difesa della balneabilità di fiumi e laghi. Torna anche quest’anno il Big Jump, l’evento che invita a tuffarsi nelle acque europee per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema della qualità dei corsi d’acqua dolce.
L’appuntamento è per domenica 11 luglio alle 15 in uno dei tanti corsi d’acqua protagonisti della manifestazione e raccolti sul portale dedicato www.rivernet.org/bigjump. In più, quest’anno si celebra la seconda edizione dell’European river swimming day, che ogni 5 anni festeggia con una nuotata collettiva tutti quei fiumi e laghi che hanno già raggiunto gli standard di qualità richiesti dall’Unione europea.
L’idea di avviare un’iniziativa per riconciliare le persone con i loro fiumi nasce nel 2005 da un progetto di Roberto Epple, fondatore dell’European Rivers Network (Ern). L’obiettivo è quello di permettere a tutti di percepire questi elementi naturali come patrimonio del proprio territorio, a disposizione del tempo libero di ciascuno di noi. Un punto di partenza indispensabile per supportare lo sforzo europeo nella riqualificazione di fiumi e laghi, un impegno espresso dal Water Framework Directive, il documento dell’Unione Europea che fissa dei parametri qualitativi da raggiungere entro il 2015.
Il progetto Big Jump include numerose azioni lungo i principali bacini d’acqua europei oltre all’organizzazione di tuffi e di una serie di traversate a nuoto: eventi educativi sul tema della qualità dell’acqua, pic-nic e altri appuntamenti di svago lungo i corsi d’acqua aderenti.
Si stima che saranno centinaia di migliaia le persone che parteciperanno all’azione, e tra questi anche molti italiani. Protagonista per l’Italia sarà in particolare il tratto torinese del Po (con ritrovo all’Imbarchino del Parco del Valentino di Torino), un fiume che probabilmente non riuscirà a raggiungere i requisiti europei di balneabilità nei prossimi 5 anni, e che per questo deve essere promosso e incentivato.
Gli altri appuntamenti italiani sono in Piemonte sulle rive del torrente Chiusella (Val Chiusella) e della Stura (Cuneo); in Lombardia sul Lambro (Agliate e Orio Litta), sul Serio (Villa di SerioBg), sul Ticino (Somma Lombardo, Oleggio e Pavia), sul Po (Motta Baluffi), sull’Olona (Malnate) e sul fiume Adda (Imbersago); in Emilia Romagna sul Po (Polesine Parmense); in Umbria sul Tevere (Città di Castello).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *