AUTOBRENNERO PUNTA SULL’ENERGIA PULITA

Debutta in Trentino la prima barriera antirumore fotovoltaica d’Europa. Un progetto pensato per combinare viabilità e produzione di energia alternativa e che ha come protagonisti il Comune di Marano d’Isera e Autostrada del Brennero.
La nuova barriera fonoassorbente, posizionata a protezione dell’abitato di Marano, si caratterizza per la capacità di rispondere a una doppia finalità. Da un lato protegge le abitazioni del Comune trentino dall’inquinamento acustico prodotto dal traffico autostradale. Dall’altro, grazie a un rivestimento in pannelli fotovoltaici in silicio, produce elettricità sfruttando l’energia solare. Una soluzione complessa, resa possibile dall’adozione di una sezione trasversale costituita da due tratti a diversa inclinazione, a 60 e 35 gradi.
Dato l’ampio sviluppo della barriera, lunga più di mille metri e alta più di cinque, la superficie disponibile può ospitare ben 3.944 moduli fotovoltaici, capaci di produrre un’energia pari a circa 690.000 kiloWatt/ora annui. Per avere un’idea di cosa significhi nel quotidiano, basti pensare che questa quantità di energia può soddisfare i consumi di circa 600 utenze domestiche: più del 20% del fabbisogno elettrico annuo dell’azienda comunale di Isera.

www.autobrennero.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *