A POZZUOLI IL PREMIO CHE FA LA DIFFERENZA

Un progetto italiano è stato premiato a Bruxelles come modello di educazione alla differenziazione e al riciclo. Si tratta dell’iniziativa “Sei tu che fai la differenza, uniti nel ‘disimballaggio’ per avere meno rifiuti!”, messa in atto lo scorso anno dal VII Circolo didattico di Pozzuoli (Napoli) nell’ambito della prima edizione della Settimana europea per la riduzione dei rifiuti.
La provincia di Napoli riscatta così la sua triste fama, e sbaraglia oltre duemila concorrenti con un progetto che ha avuto come protagonisti gli alunni della scuola materna e primaria. I bambini si sono impegnati a creare buste della spesa con materiale riciclato, poi distribuite nel mercato rionale di Monteruscello insieme a volantini informativi. Un’azione rivolta alla sensibilizzazione sul tema della differenziazione dei rifiuti, che ha previsto anche interviste ai cittadini, una mostra di oggetti fatti con materiali di recupero e uno spettacolo realizzato dagli stessi “giovani ecologisti”.
Con questo progetto Pozzuoli si è aggiudicata uno dei cinque premi assegnati la scorsa settimana dalla giuria europea, che aveva il difficile compito di scegliere tra le molte iniziative virtuose dell’edizione 2009 della Settimana del riciclo.
Più precisamente, il Circolo didattico napoletano ha ricevuto il premio della categoria scuole, mentre il ministero dell’Ambiente dell’Estonia si è distinto tra le pubbliche amministrazioni, la Cooperativa catalana Roba Amigo tra le associazioni e le Ong, il progetto svedese “Eurest” volto a sensibilizzare i ristoratori tra le imprese. L’ultimo riconoscimento è andato al Portogallo, protagonista di un’azione capace di coinvolgere un’intera parrocchia e oltre 600 ragazzi.
Il prossimo appuntamento è con l’edizione 2010 della Settimana europea per la riduzione dei rifiuti, che si terrà dal 20 al 28 novembre. Chi saranno i vincitori?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *