35 NAVI PER LA DIFESA DEL MARE ITALIANO

Per difendere i mari della penisola nostrana, il ministero dell’Ambiente schiera sui 7.500 chilometri di costa italiana una flotta di 35 navi, grazie alla firma del nuovo contratto con Castalia.
La flotta antinquinamento si compone di 9 navi d’altura, 26 navi costiere e diversi battelli minori e di servizio. Verranno collocati nei principali porti italiani, negli scali a maggiore rischio di inquinamento e in prossimità delle zone di mare più delicate dal punto di vista ambientale, come le riserve e le aree protette. Le unità saranno dotate di speciali radar per individuare le macchie di inquinante sulla superficie del mare, algoritmi di calcolo e modelli di diffusione delle sostanze, dispositivi di assorbimento e altre tecnologie moderne e efficaci.

Giovedì 8 agosto la rete di unità sarà presentata al ministro Orlando e alla stampa con un’esercitazione al largo di Civitavecchia. Durante la mattinata sarà illustrata e descritta la struttura di prevenzione e di intervento antinquinamento, anche mediante la distribuzione di materiale informativo. Successivamente, sarà simulato il controllo, l’isolamento e la raccolta di sostanze pericolose cadute in mare. Gli invitati potranno vedere le diverse tipologie di imbarcazione in azione, le varie attrezzature antinquinamento impiegate e le tecniche di intervento utilizzate dagli equipaggi.

In copertina: inquinamento sulla costa © Salvatore Ciambra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *