MOBILITIES AND HOSPITABLE CITY

La Società Geografica Italiana propone per i prossimi 16 e 17 gennaio l’incontro “Mobilities and Hospitable City”. Realizzato con il supporto di Fondazione Cariplo, l’evento prevede una serie di interventi con esperti di urbanistica, geografia, sociologia urbana, sistemi territoriali e turistici.

La prima giornata di lavori vedrà la partecipazione di Sergio Conti, Presidente della Società Geografica Italiana a cui seguiranno gli interventi di Paola Di Nicola, Presidente dell’Associazione Italiana di Sociologia, di Federico Oliva, dell’Istituto Nazionale di Urbanistica e di Giuseppe Guzzetti, Presidente di Fondazione Cariplo. Alle 11.00 spazio a Ezio Marra, dell’Università Bicocca che parlerà dello studio “Martinotti: metropoli e oltre”, a Nicolò Costa sull’evoluzione dello studio sociologico di Martinotti “Dalla teoria dei city users alla città ospitale”, a Franco D’Alfonso, Assessore allo sviluppo economico e al turismo del Comune di Milano.

L’evento si compone di cinque sessioni plenarie. I temi saranno le nuove tendenze nella mobilità internazionale e nella città ospitale, la riqualificazione funzionale della zona Milano-Bicocca, trasformata da polo industriale a distretto culturale della città, Piani di mobilità e città ospitali, Strategie di collaborazione territoriale per una città sana, Destination management e cultura dell’ospitalità e Oscillazione dei regimi urbani tra divertimento, cultura e turismo. 

All’interno di questi tavoli tematici si susseguiranno molti interventi da parte di esperti di università nazionali e internazionali: da Sophie Body-Gendrot della Sorbona di Parigi con “mobilità internazionale, city users e politiche sulla sicurezza in Europa e in America”, a Richard Burdett della London School of Economics su “gli effetti dei grandi eventi sulla mobilità urbana”, a Giuseppe Dematteis, del Politecnico di Torino su “sistemi territoriali, città ospitali e city users”, e ancora a Giandomenico Amendola, dell’Università di Firenze che dedicherà il suo intervento al marketing e alla mercificazione della città e infine a Magda Antonioli Corigliano dell’Università Bocconi che parlerà di web 2.0 e destinazioni ospitali.

Per la sessione dedicata alla città di Milano interverranno l’Architetto e Urbanista Vittorio Gregotti sulla storia del progetto, Antonio Calabrò, Direttore di Fondazione Pirelli sulle prospettive del nuovo distretto culturale e di Philippe Daverio dell’Università di Palermo con una presentazione su arte e sviluppo urbano.

Nella terza sessione, dopo l’intervento di Simone Bozzato, Segretario Generale della Società Geografica Italiana dell’Università di Roma “Tor Vergata”, spazio a Robert Maitland, direttore del “Centro della Ricerca Turistica dell’Università di Wetsminster che si concentrerà sui temi legati alla pianificazione dell’ospitalità e sulla differenziazione tra turisti e autoctoni nelle maggiori città, Bruno Gabrielli dell’Università di Genova su “spazi e pianificazione urbana della modernità: un approccio interdisciplinare”, Pietro Valentino dell’Università La Sapienza di Roma su “Pianificazione del turismo nelle città europee”.

La collaborazione fra territori sarà il tema della quarta sessione. Dopo Asterio Savelli dell’Alma Mater, il programma prevede la presentazione di Alan Fyall del Rosen College di Orlando su “pianificare l’ospitalità e la meta sana”, Laslò Puczkò, Direttore del Osservatorio sul turismo su “Salute, benessere e spa nelle città ospitali: studio comparativo”. Ancora con Armando Montanari della Sapienza su “Cibo e benessere nel turismo urbano” e Paolo Cuccia, Presidente di Gambero Rosso sulla “qualità del cibo e dell’ospitalità nelle città italiane”. 

Infine, la quinta e la sesta sessione. Sul destination management, dopo l’introduzione di Marina Faccioli dell’Università Tor Vergata, vi saranno gli interventi di Thomas Baum, dell’Università di Glasgow su “competenze del settore ospitalità e gestione”, Antonio Minguzzi dell’Università del Molise su “costruzione destinazione: capacità dinamiche per un’ospitalità dinamica” e Marxiano Melotti dell’Università Niccolò Cusano “Tra tempo libero e cultura. Nuove competenze interdisciplinari per la valorizzazione di musei e aree archeologiche”.
L’oscillazione dei regimi urbani sarà il tema dell’ultimo tavolo di lavoro. Dopo Ezio Marra dell’Unimib concluderanno Guido Borelli, dell’Università Orientale con “Regimi urbani e city users”, Silvano Belligni e Stefania Ravazzi dell’Università di Torino con “Performances di un regime urbano: il caso di Torino”, Fortunata Piselli dell’Università di Napoli con “la geometria variabile della governance urbana”, Fiammetta Mignella Calvosa della Lumsa con “La governance in una città complessa: il caso di Roma” e Davide Diamantini dell’Unimib con “Tecnologia, Eventi e governance”.

Alle 18.30 le conclusioni a cura di Franco Salvatori, Ezio Marra e Niccolò Costa.
Per ulteriori informazioni potete scrivere una mail a areaprogettazione@societageografica.it oppure telefonare allo 06.7008279.

Di Stefania Mancuso 

In copertina: Bologna_percorsi © Ivan Valcerca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *